[TF-IDF] Ottimizzazione Contenuti SEO

TF-IDF ottimizzazione contenuti SEO avanzata… bho?

TF-IDF è un concetto SEO avanzato, è qualcosa di cui si sente parlare da un po’ di tempo nella SEO.

Google lo ha utilizzato per diverso tempo per capire i testi e ottenere così informazioni insieme ad altre metriche per posizionare il tuo sito nel suo motore di ricerca.

Anche i SEO specialist come noi abbiamo capito le possibilità che mette a disposizione questa tecnica SEO e il suo potenziale.

Scopri come diventare SEO esperto >>

Con questa tecnica si é iniziato a sostituire la densità delle parole chiave con il valore TF-IDF per valutare l’ottimizzazione dei contenuti avanzata.

Si é capito che poteva contribuire in modo efficace ad abbassare l’influenza delle parole funzionali nel testo (come le stop words) e quindi a renderlo più rilevante in termini SEO.

John Mueller di Google ha recentemente spiegato che questa strategia di ottimizzazione è inutile oggi.

Vi mostreremo invece come TF-IDF aiuta a ottimizzare una pagina di contenuto per il suo argomento principale.

Che cos’è TF IDF?

Per poter usare TF-IDF per l’ottimizzazione contenuti SEO dobbiamo quindi conoscere cos’è e capire come funziona.

Partiremo dalle basi per poi inoltrarci in aspetti più tecnici leggermente più complessi.

l’acronimo TF-IDF

In termini letterali i due acronimi, significano:

  • Frequenza dei Termini
  • Frequenza Inversa dei Documenti.

Con Termini si intendono le parole o i gruppi di parole (intese come key phrase da 2 parole, 3 parole, 4 parole come le parole chiavi a coda lunga) contenute nel documento o articolo che vogliamo ottimizzare per i motori di ricerca.

Per Documenti invece intendiamo documenti dello stesso argomento del nostro documento o articolo di riferimento che ci aiutano a capire quali termini contengono e che rilevanza e importanza questi termini hanno.

Cosa non é la TF-IDF

La TF-IDF non va confusa con la keyword density.

Infatti la densità delle parole chiave indica solamente in che percentuale, una certa parola o parola chiave (sempre intesa come più parole che danno un concetto di ricerca) , è contenuta in un testo. Non mette in relazione il nostro testo e altri articoli correlati o dello stesso argomento

Cos’è TF-IDF

Questa metrica ci fa invece capire in maniera più approfondita quale importanza ha un certo termine all’interno di documenti simili a quello che stiamo analizzando e quanto è utilizzato nell’articolo che stiamo scrivendo.

Formula TF-IDF per l’ottimizzazione contenuti SEO

Quindi TF-IDF si può esprimere con un’equazione che trovate qui sopra.

Essa combina i due valori:

  • la misurazione della frequenza con cui un termine è utilizzato in un testo (TF)
  • la misurazione della frequenza con cui lo stesso termine è presente in tutte le pagine di un gruppo di testi definito (IDF)

La formula assegna ad ogni termine un punteggio, o peso, e ne definisce quinti l’importanza per l’articolo.

Attenzione che il peso è dipendente dal gruppo di pagine simili che si prendono in relazione e cambiando il gruppo cambieranno anche i punteggi.

Perché TF-IDF è importante nell’ottimizzazione contenuti SEO

Vedremo tra poco perché questa metrica, e non la Keyword Density, è così importante per il posizionamento SEO.

Capiamo prima da dove proviene questa tecnica SEO.

Questa equazione ha una storia ben precedente all’introduzione della SEO come tecnica di posizionamento sui motori di ricerca.

TF-IDF non é nata con la SEO

La sua storia comincia nel mondo accademico, infatti nel campo delle ricerche a vari livelli e in campi diversi:

  • come nella linguistica
  • o in architettura dell’informazione

veniva usata per analizzare enormi biblioteche di documenti in breve tempo.
Viene anche utilizzata da programmi di reperimento informazioni, guarda un po’, come i… Motori di Ricerca?

I motori di ricerca la usano infatti per ordinare i contenuti e valutare un articolo in modo efficiente a livello di pertinenza SEO confrontandolo con milioni di risultati.

Attenzione però alla differenza tra l’utilizzo da parte del motore di ricerca e l’utilizzo da parte tua o nostra

Infatti i motori di ricerca hanno la necessità di prendere in considerazione una raccolta comprendente moltissimi articoli o documenti che sono i vari risultati presenti nel loro database di pagine per valutarli.

Nel caso dell applicazione di TF-IDF come tecnica di ottimizzazione SEO avanzata, noi vogliamo confrontare la nostra pagina o il nostro sito Web con i siti che lo stanno superando.

Ti piacerebbe sapere come si posiziona il tuo articolo rispetto ai TOP 10 per una certa parola chiave?

Con TF-IDF puoi scoprirlo e ottimizzare i contenuti a livello SEO in modo molto efficace

Questa differenza è importante rispetto ai motori di ricerca.

Inoltre questa considerazione ti fa capire l’importanza e le potenzialità che può avere TF-IDF per la tua strategia SEO, il miglioramento del posizionamento del tuo sito o dei siti dei tuoi clienti.

Scopri gli Strumenti SEO WordPress che usiamo >>

Ci stiamo addentrando nell’ottimizzazione contenuti SEO, adesso arriverà qualche formula, e potrebbe essere complicato, ma non scoraggiarti, per riuscire a posizionare il tuo sito in prima pagina dei motori di ricerca ci vuole impegno. Continua a leggere e otterrai ottimi risultati, questa é una tecnica SEO avanzata!

Cerchi un TF-IDF tool per l’ottimizzazione contenuti SEO?

Confronta i contenuti del tuo sito Web con i tuoi concorrenti utilizzando TF-IDF per l’ottimizzazione SEO.

Scopri rapidamente che cosa ti stai perdendo nella SEO del tuo sito, usalo per raggiungere e superare i tuoi competitor. Con i tool TF-IDF che trovi online potresti scoprire alcune parole chiave per cui non sei indicizzato e aumentare le il numero di SERP per cui si posizionano i tuoi contenuti oltre che migliorare il posizionamento del tuo contenuto all’interno di ogni singolo risultato dei motori di ricerca.

Guarda il video che spiega come funziona uno di questi strumenti SEO.


Questo tool anche se a pagamento può essere una possibilità veloce per analizzare i tuoi contenuti e confrontarli con quelli dei tuoi concorrenti per raggiungerli e superarli.

Conosci gli strumenti SEO che abbiamo valutato per te? >>

Come ottimizzare i contenuti on-page

Dalla formula che abbiamo presentato prima dovrebbe essere chiaro il primo dei due termini, TF. Esprime la frequenza dei termini nel proprio documento. L’altro temine forse non é così semplice da capire, cos’è la frequenza inversa dei documenti?

Diamo un altra occhiata alla formula TF-IDF:

Formula TF-IDF per l’ottimizzazione dei contenuti

Si nota come, la seconda parte dei termini dopo il segno di uguaglianza, dopo l’operano x (moltiplicazione) è un logaritmo.

Precisamente il logaritmo di N, numero dei documenti di cui si sta facendo l’analisi, diviso “df” cioè il numero di documenti in cui si trova il termine i di cui stiamo valutando il valore.

Siccome questo valore df é al denominatore ecco perché parliamo di “inversa”. La frequenza inversa del termine trovato nei documenti analizzati.

Non preoccuparti, non devi fare i conti perché ci sono strumenti online che fanno il calcolo.

Però prima di utilizzare uno strumento, è sempre bene capire il meccanismo che sta dietro per poter valutare i risultati e dargli il giusto peso.

Il valore TF-IDF non è solo una forma più “furba”, rispetto alla Keyword Density, di densità di parole chiave.

Capiamo meglio con un esempio

Esempio: se hai una pagina di 1.500 parole e la tua parola chiave appare 12 volte, il suo TF o frequenza di termine é

TF = 1 + log(12) / log(1500) = 2.079 / 3.176 = 0.65 


Se aumenti la frequenza della parola chiave es. da 12 passa a 17, nello stesso documento, il suo TF non cambierà molto:

TF = 1 + log(17) / log(1500) = 2.230 / 3.176 =  0.70

Quindi il TF indica quando una parola chiave é stat usata troppo spesso o troppo poco.

Da solo è piuttosto inutile perché senza sapere che importanza assume nel testo quella specifica parola chiave non indica molto.

Per evitare di avere una metrica debole, serve anche l’IDF.

L’IDF dà una valutazione complessiva di una certa parola chiave.

Infatti misura il rapporto tra il numero totale di documenti in un insieme analizzato e il numero di documenti che contengono la parola chiave.

Ipotizziamo di avere due parole chiavi che confrontiamo in uno stesso insieme di documenti.

La Keyword1 é molto presente:

IDF = log(1 + (100/90) = log (1 + 1.11) = 0.32 

La Keyword2 é presente raramente:

IDF = log(1 + (100/30) = log (1 + 3.33) = 0.63

In base a questi valori di IDF e prendendo l’ultimo valore TF calcolato (0.70), ecco i risultati dei due TF-IDF per le due parole chiave:

TF-IDF (keyword1) = TF x IDF(keyword1) = 0.70 x 0.32 = 0.224

TF-IDF (keyword2) = TF x IDF(keyword2) = 0.70 x 0.63 = 0.441

Cosa ci dicono questi valori?

Dobbiamo interpretare i risultati per essere sicuri di aver capito e di usare bene questo strumento.

Se una parola chiave, la nostra keyword1, è una parola comune, molto probabilmente verrà utilizzata in una grande quantità di documenti.

Quindi, il suo valore IDF sarà minuscolo e moltiplicandolo per TF, esso non cambierà molto.

Se il termine si trova solo in alcuni documenti, il suo valore IDF sarà sensibilmente più grande con conseguente punteggio TDF-IDF maggiore.

Quindi, mentre la densità delle parole chiave, riflette solo quanto il testo sia stato riempito con una determinata parola chiave, TF-IDF è una metrica più sofisticata. Riflette l’importanza di una specifica parola chiave in una determinata pagina.

L’importanza delle parole e delle frasi più utilizzate tra i vari documenti sarà minore, mentre i termini rari e significativi aumenteranno di importanza.

Se ciò è chiaro ci chiediamo…

Ma cosa può fare TF-IDF in termini di ottimizzazione contenuti SEO?.

Come usare TF-IDF per la SEO?

Perché può essere importante utilizzare TF-IDF per la SEO?

Anche se come formula TF-IDF non viene più utilizzata dagli anni 70, ed anche Google dice di non utilizzarla più nei suoi algoritmi, riteniamo che sia uno strumento valido per chi vuole capire meglio i propri contenuti con numeri alla mano.

Chiaramente ci sono falsi positivi ovvero parole chiave che pur essendo rilevanti per il loro valore TF-IDF, non sono rilevanti per l’argomento trattato nel nostro articolo.

Cercate di avere sempre un occhio critico per i dati che leggete ed eliminate ciò che non ha senso nel vostro caso particolare

Qual’è l’obiettivo della tecnica TF-IDF per l’ottimizzazione contenuti SEO

L’obiettivo finale che dobbiamo porci usando la formula TF-IDF è di essere in grado di dare un punteggio di pertinenza efficace ai contenuti.

Usando gli strumenti TF-IDF online disponibili, puoi quindi confrontare il punteggio di una pagina con i punteggi delle pagine dei concorrenti che hanno le migliori prestazioni.

Puoi fare questo per qualsiasi parola chiave che sia rilevante per l’indicizzazione del tuo contenuto e quindi trovare dove ottimizzarlo per scalare la SERP di Google.

Classificando le pagine secondo la metrica TF-IDF, puoi diminuire il divario di indicizzazione delle pagine classificate sui motori di ricerca in base agli argomenti.

L’analisi TF-IDF ti farà ottimizzare l’equilibrio delle parole di ricerca nei contenuti che i motori di ricerca stanno già premiando con la prima pagina nella SERP.

Ciò significa che sono state valutate positivamente dall’algoritmo.

Questa tecnica SEO ti permetterà di analizzare qualsiasi parola chiave rilevante per l’indicizzazione del tuo contenuto e quindi capire come ottimizzarlo per scalare la SERP di Google.

Keyword research avanzata

Se sai già come fare keyword research per condurre un analisi keyword accurata, sarai alla ricerca di tecniche SEO e strumenti di ottimizzazione sempre nuovi per migliorarla.

TF-IDF ti aiuta in questo perchè

Come abbiamo detto la metrica SEO TF-IDF fa un passo avanti rispetto alla keyword density delle parole chiave. Infatti apre possibilità di ottimizzazione avanzata dei contenuti perché ti fa scoprire intere famiglie di parole chiave nuove contenute su altri siti web.

Ottimizziamo il sito di una Agenzia Immobiliare

Facciamo un esempio pratico, immagina di aver già completato la ricerca di parole chiave per ottimizzare il sito di una Agenzia Immobiliare.

Prendiamo in considerazione la pagina “servizi immobiliari” di alcune Agenzia Immobiliari in zona Milano, Monza.

La maggior parte degli strumenti di ricerca per parole chiave ti daranno come risultati delle parole chiave del genere:

  • servizi immobiliari
  • servizi immobiliari milano
  • servizi immobiliari cornaredo
  • servizi immobiliari monza
  • servizi immobiliari brianza

Usando invece gli strumenti TF-IDF elencati di seguito, sarai in grado di trovare anche termini non strettamente correlati alla SEO ma che vengono utilizzati dalle pagine posizionate in prima pagina dei motori di ricerca.

Parole chiave che non ti saresti aspettato utilizzando i soliti strumenti di ricerca di parole chiave .

Termini come:

  • annunci immobiliari proponi
  • immobiliari proponi immobile
  • proponi immobile servizi
  • immobile servizi immobiliari

Questi sono termini usati da un competitor, rilevanti per il contesto “servizi immobiliari” e molto importanti perché includono le parole annunci, immobiliari, servizi, proponi.

Queste parole non appaiono negli strumenti di keyword research tradizionali.

Il motivo é che gli articoli stessi non sono posizionati in SERP per quei termini, tuttavia sono necessari per capire l’intento di ricerca.

Per fortuna non é necessario calcolare manualmente i valori TF-IDF per le varie pagine del tuo sito e dei siti concorrenti.

Ci sono strumenti che facilitano tutto il processo di reperimento dati e calcolo e in pochi passaggi avrai i risultati pronti da analizzare.

Scopri come fare keyword research gratis per le tue google ads keyword con gli strumenti TF-IDF che trovi qui sotto

Strumenti di analisi TF-IDF dei contenuti

Per l’ottimizzazione SEO dei contenuti sono molti gli strumenti che si trovano online. Per quanto riguarda i tool SEO che effettuano una analisi TF-IDF c’è ne sono alcuni a pagamento ed altri gratis o con funzionalità SEO gratis e versione pro a pagamento.

Di seguito vi riportiamo alcuni strumenti che abbiamo usato

Strumenti SEO gratis per analisi TF-IDF

Strumenti SEO a pagamento per l’analisi TF-IDF

Conclusioni

Magari non hai mai sentito parlare di TF-IDF prima dell’ultimo anno. Eppure hai scoperto che é una tecnica usata per l’analisi dei testi dagli anni 70.

Non c’è problema se non hai ancora iniziato a utilizzarla perché con noi hai imparato a capire come usarla e con quali strumenti SEO.

Se ti stavi chiedendo:

  • come scegliere le parole chiave?
  • come trovare le parole chiave giuste per il mio sito?
  • che parole chiave usare in google Adwords per le mie campagne?

Crediamo di averti dato uno strumento ancora più avanzato per scegliere le tue parole chiave e le migliori per migliorare il tuo posizionamento web.

Molte mode SEO vanno e vengono ormai te ne sarai accorto se hai lavorato o fatto un po di SEO.
La tecnica TF-IDF è un po’ diversa, non lavora sulla manipolazione dei motori di ricerca.

E’ un metodo per analizzare i contenuti ed è basato sugli stessi principi dei motori di ricerca.

Ha un potenziale straordinario per la SEO e ti permette di fare una ottimizzazione contenuti avanzata per misurare e migliorare i tuoi articoli.

Speriamo di averti aiutato e ti chiediamo di commentare o scriverci per qualsiasi dubbio… anche se vuoi chiederci una consulenza SEO ovviamente!

Risorse

SEO Yandex: come ottimizzare il sito in Russia

Quando ci si approccia alla SEO in Russia generalmente si cerca SEO Russia, SEO Yandex, Google in Russia.

Ne ho viste e sentite di tutti i colori, c’è chi lo chiama “iandex”, “iandeks”, “jandeks” che possono essere dei typo o giustamente non sapere che la prima lettera sia la Y.

Ma ho visto anche “uandex” e “yanex” che assomiglia molto a una canzone di Davide van des froos, un cantante del Lago di Como, la mia zona.

Yandex in russia é Il principale motore di ricerca russo, e tra i motori di ricerca russi sicuramente quello che viene usato dalla maggior parte dei Russi quando, come tutti noi, cercano su internet.

Ma non ci sono solo i motori di ricerca russi in Russia. Anche Google ha una ottima fetta del mercato della ricerca.

Perché farsi trovare in Russia?

Quindi se sei qui immagino che tu sia interessato a vendere in Russia, o a Esportare in Russia, oppure in generale hai contatti con la Russia e vorresti farti trovare dai Russi su Yandex e Google per il tuo prodotto o servizio con delle parole chiave.

Stai avviando il tuo sito Web in Russia?

Dovrai assolutamente fare amicizia con Yandex, perché é il più grande motore di ricerca russo.

Quindi ti spieghiamo di seguito come aumentare la visibilità del tuo marchio con i motori di ricerca in Russia, nello specifico con Yandex SEO.

La Russia è enorme – e non solo perché è il più grande paese del mondo.

Ospita 110 milioni di utenti (guardate questo video di datareportal.com) – 75% più del Regno Unito.

Chiaramente è un enorme pubblico potenziale per il tuo brand e i tuoi prodotti.

Inoltre il momento é veramente propizio per muoversi in questa direzione adesso.

Questo perché l’81% dei russi ha cercato prodotti online l’anno scorso.

E questo trend é in forte crescita, ben il 18% in più rispetto all’anno precedente.

Di tutti quelli che hanno cercato, il 58% ha effettivamente acquistato, in crescita del 12% rispetto all’anno precedente.

La ricerca russa è completamente diversa da quella a cui siamo abituati?

Da dove iniziare quindi?

Ci chiediamo se la ricerca russa funzioni come da noi, su Google.

Google in Russia funziona più o meno allo stesso modo che in Italia, ma Yandex funzionerà come Google?

Yandex è il più grande motore di ricerca russo.

Ciò significa che dovrai imparare a conoscerlo dato che é un nuovo strumento. E dovrai costruire una solida strategia Yandex SEO per avere successo.

Ma, per fortuna, non è necessario cambiare tutto ciò che hai in mente sulla SEO.

Infatti Yandex è molto simile a Google. Qui ti spieghiamo quali sono gli elementi che devi analizzare con cura per lanciare il tuo sito in Russia su Yandex con la SEO e farlo nel modo giusto.



Ecco come iniziare.

SEO SU YANDEX IN RUSSIA

Prima di lanciarti in Yandex per la SEO, ecco tre cose da tenere a mente sul mercato russo:

1. La Russia ha uno dei livelli di conoscenza della lingua inglese più bassi in Europa.

Per fare progressi, dovrai tradurre il tuo sito in russo.

Ciò consente anche di espandersi in paesi come: Armenia, Azerbaigian, Kazakistan, Bielorussia e Georgia.

2 . La Russia è notoriamente conservatrice.

Ciò si riflette nel suo atteggiamento nei confronti di censura di Internet .

I siti che non rispettano la legge russa sulla restrizione di Internet sono nella lista nera.

censura di Internet

3. Ogni forma di materiale distribuito pubblicamente riceve una limitazione di età.

Se desideri scegliere come target bambini o adolescenti, dovrai personalizzare i messaggi con molta attenzione.

GUIDA ESSENZIALE YANDEX SEO

Yandex riceve 2,6 miliardi di visite mensili .

E sebbene Google stia iniziando a rappresentare una minaccia, Yandex è ancora il principale motore di ricerca russo da cui passano oltre la metà delle query di ricerca in Russia e in lingua russa.

Yandex fornisce molti altri servizi oltre al motore di ricerca:

  • un browser
  • servizio e-mail
  • traduttore
  • mappe
  • una piattaforma di advertising PPC
  • un motore di ricerca video tipo Youtube
  • snippet di immagini come avviene per Google
  • Yandex webmaster tool per verificare errori e posizionamenti del proprio sito
  • directory di aziende

A differenza di Google il posizionamento in SERP ha logiche diverse quindi dovrai imparare alcuni nuovi trucchi per poter raggiungere buone posizioni e attirare clienti.

Veniamo quindi al sodo e iniziamo ad analizzare cosa serve davvero per farsi trovare in Russia con Yandex SEO.



GEOTARGETING IN RUSSIA CON YANDEX

La posizione geografica è un fattore di posizionamento molto importante per Yandex.

Il sito classifica tutte le ricerche in dipendenza della posizione da cui vengono fatte.

Questo avviene sia per termini generici come “trasporto” che per query più specifiche ad esempio “distributore vicino a me”.

Il motore di ricerca russo mostra quindi i risultati di quella specifica regione.

Quindi se un vostro potenziale cliente é a Mosca, vedrà in SERP di Yandex dei risultati di ricerca diversi rispetto a un potenziale cliente che si trovi a San Pietroburgo.

Per una un’azienda locale questa caratteristica è molto allettante, ma complica le cose per chi è un marchio globale.

Per classificare le ricerche a seconda della posizione, devi utilizzare Directory aziendale di Yandex . È simile a Google My Business e ti consente di pubblicare le informazioni importanti della tua attività commerciale come nome, cap e numero di telefono.

Se hai filiali regionali, includi anche queste informazioni.

E non dimenticare di aggiungere parole chiave specifiche per regione ai tuoi contenuti e metadati.

L’uso di sottodomini regionali può anche essere un modo efficace per segnalare i contenuti locali.

Controlla che questa modifica sia compatibile con la tua struttura internazionale del sito esistente prima di metterla online.

I sottodomini sono spesso evitati dal punto di vista SEO di Google e potresti voler rimanere coerente con tale approccio.

Per fare una prova in Russia con la SEO in Yandex assicurati che sia facile tornare indietro al sito principale dal sottodominio regionale.

ESPERIENZA UTENTE PER YANDEX E LA SEO

Yandex è ossessionato dal comportamento dell’utente e da come l’utente ricerca, clicca e naviga.

Nella SEO Yandex ripone un accento particolare sul comportamento del navigatore. Addirittura più di una attività di Link Building.

Già dal 2012, utilizza un approccio alla Google, visualizzando risultati di ricerca personalizzati in base al comportamento dell’utente (cronologia delle ricerche e cookie).

Ma Yandex va oltre.

Per posizionarsi in alto sul motore di ricerca Yandex, devi incoraggiare le persone a fare clic sul tuo sito ( importanza del CTR ).

Una volta che il visitatore è atterrato deve rimanere li il più possibile e non visitare siti simili in seguito.

Yandex tiene conto del comportamento degli utenti sul tuo sito e anche (sorprendentemente) subito dopo aver visitato .

Se un utente fa clic su una pagina relativa alla stessa query dopo aver visitato, Yandex lo considera come un segnale che il contenuto non ha fornito un valore sufficiente.

Yandex ha anche iniziato a penalizzare i siti Web con finestre pop-up intrusive che danneggiano l’esperienza dell’utente.

La buona notizia è che monitorare questo comportamento è semplice: puoi analizzare i log del tuo sito su Yandex.Metrica .

È uno strumento di analisi come Google Analytics.

Puoi controllare dove si trovano gli utenti, come hanno trovato il tuo sito, quali termini di ricerca hanno usato, il loro tasso di conversione e quali piattaforme stanno usando.



SEO YANDEX E I CONTENUTI

Yandex ha a cuore la qualità dei contenuti.

State quindi attenti perché chi trasgredisce le sue regole viene punito più severamente di Google per tattiche subdole ed errori tecnici.

Anche per gli e-commerce, attenzione a seguire le regole.

Evitare di ospitare pagine separate per varianti dello stesso prodotto (ad es. Colori o dimensioni diverse).

Proprio come l’aggiornamento Google Panda, il filtro dei contenuti duplicati di Yandex può danneggiare l’indicizzazione sul motore di ricerca russo.

Yandex prende anche sul serio il black hat SEO, quindi non provare a giocare il loro sistema.

I russi sono estremamente bravi nelle materie scentifiche e matematiche quindi non pensate di riuscire a “fregarli”.

Invece, concentratevi sul miglioramento del vostro sito o e-commerce per fare in modo che gli utenti ne traggano valore e informazioni utili. Preoccupatevi di scrivere contenuti fantastici che vogliano leggere a lungo.

L’IMPORTANZA DEI META DATI PER YANDEX

Yandex è molto più rigoroso di Google quando si tratta di metadati.

Prenditi il ​​tempo necessario per curarli in modo accurato e prendi in considerazione le peculiarità di Yandex:

Tag del titolo e meta description

Yandex consente fino a 70 caratteri per il tag del titolo.

Ma conviene mantenere il titolo al di sotto di 60 caratteri in modo che venga visualizzato correttamente su entrambi i motori di ricerca, Google e Yandex.

Assicurati che le meta-description siano inferiori a 160 caratteri e non dimenticare di includere le tue parole chiave e una call to action.

Meta-keywords

Anche se Google ormai non le considera, per Yandex sono ancora importanti, quindi mettine due o tre per pagina in modo che ne tenga in considerazione.

Mi é capitato di vedere siti con una solida struttura a silos e molti contenuti, che non avevano ne meta-keywords ne meta-description ed erano molto ben posizionati su Google e con traffico superiore ai 14k page views al mese

Url della pagina

Sebbene Yandex capisca sia caratteri cirillici che latini, usate URL con carattere cirillico perché aiuta l’indicizzazione ed è ciò che preferiscono i visitatori in lingua russa per capire l’argomento della pagina che stanno cercando o visualizzando.

Tag Canonical

I tag canonical aiutano a evitare sanzioni per contenuti duplicati su pagine simili.

In questo caso Yandex si comporta proprio come Google, quindi potrebbe ignorarli.

Questo di solito accade se la pagina non può essere indicizzata, se l’indirizzo canonico si riferisce a un dominio o sottodominio diverso o se ci sono più indirizzi canonici su una pagina.



YANDEX MOBILE

In Russia, Yandex governa la ricerca mobile tanto quanto il desktop.

Dall’aggiornamento Vladivostok del 2016 di Yandex, siti ottimizzati per dispositivi mobili hanno ottenuto un posizionamento più elevato.

Nello stesso periodo, Yandex ha rilasciato la tecnologia “Turbo Pages” per accelerare il tempo di caricamento della pagina sul cellulare.

Sono simili alle AMP pages di Google, hanno cercato di evitare elevati bounce rate sulle pagine dei siti causati da una lenta velocità di caricamento.

Quindi per ottimizzare il tuo sito in lingua Russa ricordati di queste accortezze e di renderlo veloce per i dispositivi mobili.

Non dimenticare di prendere in considerazione le dimensioni del carattere. Qualunque carattere inferiore a 12px può rendere i caratteri cirillici difficili da leggere.

Ciò influisce sull’esperienza utente, quindi può influire anche sul tuo posizionamento.

AUTORITÀ E BACKLINKS SU YANDEX

Anche se Yandex dà la priorità al comportamento degli utenti rispetto alla creazione di link, non ignorate completamente i backlink.

Anche nel caso della link building dovete ragionare in termini di qualità piuttosto che di quantità.

I link che vengono utilizzati sono molto più importanti di quelli passivi, che non sono mai cliccati. Quindi non serve avere centinaia di collegamenti che nessuno mai utilizza.



E-COMMERCE IN RUSSIA

Per gli e-commerce Yandex ha introdotto la rilevanza commerciale come segnale di classifica già dal 2014.

Ciò fornisce risultati più accurati per le ricerche con intento commerciale. Questo ulteriore segnale unito agli altri di cui abbiamo parlato:

  • pertinenza
  • affidabilità
  • usabilità
  • esperienza utente
  • qualità del servizio
  • design del sito

aiuta a capire se le pagine di un e-commerce sono meritevoli di una certa posizione rispetto ai propri competitor.

Per aumentare la tua rilevanza commerciale dovrai scrivere descrizioni uniche e dettagliate dei prodotti, includere informazioni regionali e ottenere backlink da siti autorevoli.

Considera l’opzione di localizzare il supporto post-vendita in Russo per migliorare il servizio reso ai clienti dimostrando un servizio migliore anche su Internet.

ETÀ DEL TUO DOMINIO

Chiaramente l’età del dominio non può essere cambiata o scelta a piacere. Ma é un valore che Yandex tiene presente per determinare l’affidabilità del tuo sito. Questo valore può essere più rilevante per alcuni settori come la salute, gli e-commerce e la vendita al dettaglio.

Yandex ha generalmente un tempo più lungo di indicizzazione per siti che sono stati creati da poco. Anche se ultimamente il motore di ricerca russo ha reso più facile la classificazione dei domini più recenti e di migliore qualità.

Non scoraggiarti se il tuo sito non è ancora presente nella SERP di Yandex ci vuole un po’ di tempo.

La scansione e indicizzazione delle modifiche al tuo sito richiedono più tempo di Google.

Il crawler di Yandex visita le pagine statiche più volte al mese mentre i blog alcune volte al giorno.

Per indicizzare il tuo sito Web più facilmente, iscriviti a Yandex web master tools, potrai inviare le tue Sitemap e monitorare eventuali errori.

Anche le capacità di scansione di Yandex stanno migliorando ora lavorano meglio anche con pagine che contengono JavaScript e CSS.

VI CIMENTERETE CON LA SEO YANDEX?

L’ottimizzazione di un sito per la ricerca in Russia è un duro lavoro.

Ma, come potete aver capito dai dati che vi abbiamo presentato all’inizio dell’articolo, ne vale la pena.

La chiave del successo sta nel pianificare una strategia SEO Yandex specifica e implementarla con costanza.

Concentrati sulla costruzione di un’esperienza utente eccellente con contenuti pertinenti e di alta qualità.

Presto sarai premiato nelle classifiche in Russia.

Per qualsiasi dubbio lascia un commento o contattaci via email o via telefono.

Siamo sempre pronti ad aiutarti.

Hai bisogno di aiuto per ottimizzare il tuo sito web per la Russia? Il nostro team digitale esperto è qui per aiutarti: mettiti in contatto oggi.