Rendering dinamico e SEO: i dettagli che devi conoscere

Ecco tutto ciò che devi sapere su cosa è e perché dovresti implementarlo.

Il rendering dinamico è importante perché gli sviluppatori Web si rivolgono spesso a framework JavaScript come AngularJS per pubblicare contenuti.

Il problema è che i robot dei motori di ricerca spesso non “vedono” i contenuti come i browser li vedono quando visitano siti Web basati su script. Ciò comporta a problemi di indicizzazione.

Fortunatamente, Google ha una soluzione: il rendering dinamico.

Ora Google ha reso pubblica la documentazione per spiegare questo concetto

Che cos’è il rendering dinamico?

A volte, gli sviluppatori creano app Web complesse a pagina singola. In genere si basano su framework JavaScript per gestire l’interfaccia utente.

Questa è un’ottima soluzione per le persone che visitano il sito con un browser, ma non eccezionale per i robot dei motori di ricerca che cercano di analizzare i contenuti.

Perché? Perché i robot utilizzano un browser “senza testa”.

Un browser senza testa è un browser che striscia all’interno del cyberspazio senza interfaccia utente grafica. Non vede una pagina web nel senso tradizionale.

Invece, valuta elementi HTML statici.

I siti Web gestiti da JavaScript producono al volo gran parte dei loro contenuti. Non è servito come HTML statico.

Quindi i robot dei motori di ricerca non vedono altro che il codice JavaScript, dunque non possono indicizzarlo.

C’è una soluzione, tuttavia. Si chiama rendering dinamico.

Ecco come funziona: gli sviluppatori web creano una serie di pagine statiche che servono solo ai robot. In questo modo, i robot di ricerca possono vedere il contenuto e indicizzarlo.

Quindi, includono la logica nel sito Web che controlla ogni richiesta. Se la richiesta proviene da un bot, il sito fornisce il contenuto statico. Se la richiesta proviene da un browser “normale”, il sito fornisce il contenuto JavaScript.

Processo di rendering dinamico

Purtroppo, non è una soluzione facile. Richiede ulteriore lavoro per gli sviluppatori.

Forse un giorno Google e Bing svilupperanno robot in grado di analizzare correttamente gli elementi generati dallo script. Per ora, però, non è così.

Chi deve utilizzare il rendering dinamico?

Se stai gestendo un sito che offre contenuti da JavaScript devi utilizzare il rendering dinamico.

Ecco alcuni dei framework JavaScript che gli sviluppatori utilizzano spesso per creare contenuti Web:

Ricorda: jQuery viene utilizzato per una serie di motivi. Solo perché il tuo sito web esegue jQuery non significa che devi aggiungere un renderer dinamico.

Aziende come Dish, Twitch, Wix, Comcast e persino Domino’s Pizza si affidano tutte a un framework di rendering dinamico per ottimizzare i loro siti per la ricerca.

In che modo il rendering dinamico aiuta gli esperti di marketing

Quando si tratta di marketing online, la parola chiave è visibilità. Vuoi che le persone trovino i tuoi contenuti online.

Uno dei modi per farlo è con l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO). Configura il tuo sito in modo che i motori di ricerca possano facilmente indicizzarlo e classificarlo nella parte superiore per le parole chiave correlate alla tua nicchia.

Come abbiamo visto, questa è una sfida se si dispone di un sito Web basato su JavaScript. I robot di ricerca non possono analizzare i tuoi contenuti.

Il rendering dinamico ti consente di massimizzare la tua portata traducendo efficacemente le tue pagine in un modo che i robot possano trovarle e analizzarle.

Rendering dinamico: come iniziare

Se desideri utilizzare il rendering dinamico nel tuo sito Web, probabilmente dovrai appoggiarti ad un framework.

Lo so. Non è quello che volevi sentire.

Sfortunatamente, sarà probabilmente necessario. Ecco alcuni situazioni da considerare:

<va spiegato come farlo>

Dopo aver configurato e avviato il renderer dinamico, è tempo di scegliere il software da cui viene servito il contenuto HTML statico.

Se sei interessato all’indicizzazione, ovviamente vorrai “googlebot” e “bingbot” in quell’elenco. Tuttavia, ci sono altri agenti (come “linkedinbot”) che potresti voler ricevere anche contenuti statici.

Impostazioni per il rendering dinamico con tool. Immagine per gentile concessione

Come servire le pagine velocemente

Dopo aver integrato il framework di rendering dinamico e scelto i tuoi robot, potresti ancora dover modificare alcune cose.

Ad esempio, se ritieni che il renderer stia rallentando il tuo server, dovrai apportare delle modifiche, altrimenti il tuo sito non si classificherà bene.

È possibile risolvere il problema aggiungendo una cache per servire il contenuto statico. Inoltre, potrebbe essere necessario verificare che le richieste dei bot provengano da crawler legittimi.

Ad esempio, ecco come convalidare che una richiesta bot provenga davvero da Google:

Rendering dinamico: considerazioni per dispositivi mobili

Questo è un mondo mobile. Se il tuo sito non è ottimizzato per pubblicare contenuti che sembrano fantastici su una piattaforma mobile, quasi sicuramente fallirai.

Ecco perché devi assicurarti che il tuo renderer dinamico offra contenuti HTML facili da usare per gli schermi di smartphone più piccoli. Probabilmente dovrai utilizzare la pubblicazione dinamica per farlo accadere.

Ecco come funziona l’intero processo:

Questo è un concetto importante perché Google sta passando a un indice mobile-first. Vale a dire, esegue la scansione delle pagine con un agente mobile e le “vede” nel modo in cui le visualizzerebbero un utente mobile.

Pertanto, se sei interessato a indicizzare le tue pagine e guadagnare una posizione elevata, avrai bisogno del tuo renderer dinamico per pubblicare contenuti HTML ottimizzati per i dispositivi mobili.

Testalo

Dopo aver impostato tutto, è il momento di eseguire alcuni test.

Metti alla prova il tuo rendering dimamico utilizzando il Test ottimizzato per dispositivi mobili ospitato da Google. Basta collegare l’URL del tuo sito e lasciarlo analizzare

Dopo qualche secondo, Google ti mostrerà come appare il tuo sito dal punto di vista del suo agente. Se quel contenuto non corrisponde a ciò che desideri sia visualizzato esso, contatta il tuo team di sviluppo e spiega loro come vuoi che appaia.

Il Test ottimizzato per dispositivi mobili ti avviserà anche se ci sono problemi specifici per dispositivi mobili associati al tuo sito.

Quindi, utilizza “Scarica come Google” per testare l’efficacia del tuo renderer dinamico. Assicurati solo di fare clic sul pulsante “FETCH AND RENDER” o non vedrai nulla.

Ancora una volta, controlla la versione renderizzata del tuo sito e, se non sembra corretta, apporta le modifiche necessarie.

Se stai utilizzando dati strutturati sul tuo sito, vai allo Strumento di test dei dati strutturati. Inserisci il tuo URL e assicurati che Google stia rilevando tutto il tuo markup.

Certo il test finale è aspettare un pò e controllare i risultati effettivi della ricerca. Vengono visualizzati i tuoi contenuti? In tal caso, il renderer dinamico sta facendo il suo lavoro.

Risoluzione dei problemi di rendering dinamico

Ricorda, quando si tratta di sviluppo di software, la Legge di Murphy è rigorosamente applicata. È probabile che qualcosa vada storto la prima volta che si implementa un renderer dinamico.

Per cominciare, se il contenuto del tuo sito Web non viene visualizzato come dovrebbe, assicurati di aver configurato correttamente il framework. Ripassa tutte le impostazioni.

Potresti anche utilizzare un framework che semplicemente non è compatibile con la tua app web. In tal caso, passa a un altro framework.

Se il tuo sito non viene indicizzato, ciò potrebbe essere dovuto a tempi di caricamento lenti. Esamina la soluzione di memorizzazione nella cache sopra menzionata.

Infine, se non vedi dati strutturati, controlla il codice per i tag di script JSON-LD. Se mancano, Google non analizzerà il markup.

Conclusione

I framework JavaScript semplificano la creazione di contenuti Web straordinari e intuitivi. Tuttavia, quel contenuto non è adatto ai bot.

Ecco perché dovresti implementare il rendering dinamico se stai gestendo un sito che si basa su contenuti generati da JavaScript.

Il rendering dinamico consentirà ai robot dei motori di ricerca di trovare i tuoi contenuti e indicizzarli in modo che il tuo sito Web abbia una maggiore esposizione nei risultati di ricerca.


Cosa stai cercando (intento di ricerca)

Intento di ricerca…a cosa si riferisce?

Nel momento in cui hai tentato di digitare qualcosa nella barra di ricerca del motore di ricerca, hai avuto questo obiettivo, sapere qualcosa. Questo obiettivo di scoprire qualcosa si chiama intento di ricerca. A volte, è anche noto come intento commerciale o dell’acquirente. Come SEO smart, dovresti sapere che tipo di utenti digitano normalmente nel motore di ricerca, tenendo in grande considerazione le loro intenzioni di ricerca.

Tuttavia, quando parliamo di intento di ricerca e della sua efficacia nel SEO, non si concentra solo sul raggiungimento dell’obiettivo degli utenti di trovare determinate informazioni. Implica anche la capacità del motore di ricerca di comprendere ciò che gli utenti stanno effettivamente cercando e fornire risultati di ricerca accurati.

Prima di come applicare il concetto di intento di ricerca per creare un SEO più efficace, devi prima conoscere i tipi di intenti di ricerca o le query per sapere dove rientra il tuo sito. Discuterò anche su quali approcci saranno efficaci nel mirare a ciascuna query di ricerca.

Intento di ricerca informativa

Usa il motore di ricerca per ottenere informazioni su qualcosa. Fondamentalmente, gli utenti hanno domande specifiche e hanno bisogno di risposte o vogliono saperne di più su qualcosa. Esempio:

Qual è l’intento di ricerca?
– Come si fanno i biscotti con gocce di cioccolato?
– Che giorno della settimana è stato il mio compleanno?

Approccio mirato per l’intento di ricerca informativa:

Poiché la maggior parte delle query nel motore di ricerca sono costituite da questo tipo di intenti di ricerca, non dovresti trascurare l’idea di indirizzare gli intenti di ricerca informativa. Anche se questi non ti daranno profitti diretti per la tua attività, puoi utilizzarla come una strada per far conoscere la tua attività e stabilire il tuo marchio. Questo può eventualmente portare a ottenere più contatti in futuro.

  • Crea contenuti pieni di suggerimenti su come costruire un sito Web di avvio per un’azienda locale
  • Crea un video tutorial / Come è rilevante per il tuo marchio o prodotto.
  • Crea una guida dettagliata su un processo correlato al tuo sito web.

Si utilizza il motore di ricerca con l’obiettivo di trovare un sito Web o una pagina Web. Quindi, invece di digitare l’URL nella barra di navigazione del browser, è sufficiente digitare nella barra di ricerca il nome del sito Web.

Alcuni esempi sono:

  • Facebook
  • Youtube
  • Twitter

Approccio mirato per l’intento di ricerca della navigazione:

Devi essere conosciuto in modo che gli utenti digitino chiaramente il tuo marchio e non quello di un altro. Fondamentalmente devi stabilire il tuo marchio e lavorare sulla tua popolarità.

  • Pagine di destinazione: devi avere delle pagine di destinazione sui tuoi prodotti e servizi. Sono necessarie le ottimizzazioni di queste pagine. Assicurati di utilizzare prodotti, marchi e servizi nei metatag, nelle descrizioni e nelle intestazioni HTML

Intento di ricerca transazionale

Si chiama Intento di ricerca transazionale quando l’utente vuole agire o effettuare transazioni su qualcosa, come un acquisto. Le parole chiave possono essere specifiche come la marca dell’articolo che si intende acquistare (ad es. IPhone, Samsung) o una classificazione generica (ad es. Telefoni cellulari, smartphone). Le ricerche locali come le ricerche su aziende possono anche essere considerate query transazionali. Esempi sono:

  • Acquista un nuovo iPhone
  • Caffetteria vicino a me
  • La migliore marca di laptop

Approccio mirato per l’intento di ricerca transazionale:

  • Creazione di landing page: devi ottimizzare le tue pagine incorporando i nomi di prodotti e marchi nei meta tag e nelle descrizioni.
  • Utilizza AdWords o risultati sponsorizzati: l’utilizzo di questo strumento consentirà alla tua attività di essere conosciuta e raggiungerà una gamma più ampia di potenziali clienti.

Un’altra cosa, quando sei coinvolto nella gestione SEO di un’azienda o di un sito Web che vende qualcosa, devi catturare parole chiave sia generali che specifiche che gli utenti potrebbero usare come descrizioni per i loro prodotti e servizi. Devi assicurarti di includerli entrambi poiché vuoi che il motore di ricerca suggerisca il tuo prodotto quando un utente lo cerca nel sistema.

Quali sono i vantaggi del targeting dell’intento di ricerca in SEO?

Una volta identificato chiaramente l’intento, ora puoi facilmente sapere quale approccio dovresti praticare per migliorare la SEO. Come qualsiasi altra strategia SEO, si ridurrà di nuovo a due cose: creare contenuti di alta qualità e costruire le parole chiave giuste e ottimizzarle. Assicurarsi di allinearsi con le possibili intenzioni di ricerca degli utenti. Se riesci a farlo, ti porterà:

  • Aumento delle visualizzazioni di pagina: se si soddisfano gli intenti di ricerca degli utenti, è più probabile che facciano clic e navighino nel sito.
  • Connessione pertinente con il tuo pubblico: gli utenti interagiranno con il tuo sito Web e i suoi contenuti se fornisci ciò che stanno cercando
  • Aumenta la consapevolezza del tuo marchio: se gli utenti stanno cercando di cercare qualcosa nel Web e hanno questa intenzione di acquistare un prodotto o servizio, se il loro intento di ricerca corrisponde ai prodotti e ai servizi che stai offrendo, ciò contribuirà in qualche modo alla popolarità di il tuo marchio
  • Riduzione della frequenza di rimbalzo e aumento del tempo di permanenza: se catturi completamente l’intento di ricerca degli utenti e li fai fare clic con successo sul tuo sito Web, è meno probabile che escano fuori dalla tua pagina e continueranno a navigare tra le tue pagine.
  • Facilita un numero maggiore di conversioni e trattenute: che si tratti di verificare con successo un determinato prodotto o di compilare moduli d’ordine, conoscere gli intenti di ricerca degli utenti andrà a beneficio della fidelizzazione e dell’acquisizione dei clienti.

In conclusione, identificare il tipo di intento di ricerca che rappresenta chiaramente il marchio che desideri stabilire ti aiuterà a lavorare per rendere più efficaci le tue strategie SEO. Ancora una volta, le strategie SEO non sono adatte a tutti i tipi di ricerca. Deve essere personalizzato in base a ciò che si desidera ottenere, sia che si tratti di stabilire un nome o di attrarre più transazioni e acquisti dei propri prodotti. Dopo aver identificato e acquisito l’intento di ricerca degli utenti, puoi provare ad adattare gli approcci che ho menzionato sopra.

Domande correlate all’intento di ricerca

Se riscontro problemi nell’identificare il tipo di intento di ricerca in cui rientra il mio sito, esiste un altro modo per sapere come?

Potresti voler chiedere direttamente ai tuoi utenti come condurre un sondaggio online. Puoi presentare il sondaggio quando le persone accedono al tuo sito e porre domande come quello che stanno cercando. I dati che raccoglierai potrebbero essere utili per distinguere la categoria di ricerca a cui il tuo marchio si adatta perfettamente.

Esiste un modo in cui posso scegliere come target tutti e tre i tipi in una singola ricerca per parola chiave?

No, poiché sono tutti diversi. Le query di ricerca della navigazione sono piuttosto specifiche, quindi non credo che possano passare ad altri tipi di query. È come se domande diverse fossero associate a risposte diverse.

Esiste una regola generale da seguire quando si considera l’intento di ricerca nelle attività SEO?

Sì, devi ancora seguire le regole cardinali per creare contenuti di alta qualità e trovare le parole chiave giuste. Hai ancora bisogno di essere notato durante l’indicizzazione e di essere posizionato in posizioni alte. Qual è lo scopo di considerare l’intento di ricerca quando non sei visualizzato nella parte superiore dell’elenco?

L’intento di ricerca é importante nel marketing digitale?

Il marketing online é quella disciplina digitale che permette di far conoscere sul mercato i prodotti di varie aziende. Per questo intento, quello di vendere, é fondamentale sapere per quale motivo i nostri potenziali clienti stanno cercando. Se conosco l’intento di ricerca di una certa persona in base alla keyword ricercata potrò proporgli il prodotto o servizio più pertinente.