Inbound Marketing 5 Esempi concreti

Abbiamo parlato del significato di inbound marketing e della sua definizione nell’articolo precedente, ora ci occupiamo di fare alcuni esempi di inbound marketing?

Il marketing inbound è un termine piuttosto generico, comprende molte strategie di web marketing e tattiche di promozione online.

Queste, agendo insieme, attirano visitatori interessati e portano a ottenere risultati di marketing misurabili.

Dopo tutto, c’è più di un modo per attirare un potenziale cliente sul tuo sito web.

Possiamo parlarvi di:

  • outbound marketing vs inbound marketing
  • inbound marketing funnel
  • inbound marketing su facebook
  • content marketing e inbound marketing
  • inbound marketing con youtube

ma fare degli esempi concreti vi chiarirà molti dubbi e risponderà a molte vostre domande quindi partiamo!

Il Blog – Esempio Inbound Marketing n. 1

Secondo HubSpot, la società americana che ha inventato e diffuso il termine “Inbound Marketing” intorno al 2006, gli esperti di marketing che privilegiano i blog hanno una probabilità 13 volte maggiore di ottenere un ROI positivo.

Si avete capito bene, e se volete metterlo in percentuale é il 1300%

Coloro che pubblicano contenuti sul blog almeno 16 volte al mese generano 3,5 volte più traffico sul sito web.

E 4,5 volte più lead rispetto alle aziende che aggiornano i loro blog solo poche volte al mese.

Blog Strategia formidabile

Un blog è un modo formidabile per rispondere alle domande urgenti dei tuoi potenziali clienti, facciamo qualche esempio:

  • come dovrei strutturare il mio account Google Ads?
  • quale strategia di Inbound Marketing dovrei realizzare per la mia Azienda?
  • come si crea un inbound marketing funnel?
  • funziona l’inbound marketing nel b2b?

la cosa ancora più interessante é che questi contenuti, queste risposte, diventano contenuti accessibili a tutti e di lunga durata.

Inoltre, come dimostra l’immagine qui sotto, presa dal blog di Neil Patel, più lunghi sono i contenuti che scriverete più facile è che vengano condivisi dai lettori.

Più il tuo blog è educativo e più frequentemente lo aggiorni con nuovi contenuti, più è probabile che diventi un ​​marchio di fiducia.

I contenuti online funzionano?

Se i potenziali clienti avranno fiducia nel tuo Marchio, lo ricorderanno mentre passano da una fase all’altra del tuo funnel di inbound marketing.

Del resto, questo Blog ne é un esempi, ed è stata una sorpresa anche per noi.

Siamo partiti un po’ per imparare la SEO un po’ per testare se questi concetti funzionavano e te lo possiamo dire con molta sincerità: FUNZIONANO!

Dopo aver scritto poco più di una decina di articoli, senza aver fatto un blog bello, ne interessante, ne funzionale (ci sono ancora un sacco di pagine e parti che dobbiamo sistemare, “lo sappiamo!”), passati circa 3 o 4 mesi, abbiamo ricevuto una richiesta di preventivo!

L’incredibile é che in quei 3/4 mesi, non ci credevamo quasi più, non abbiamo postato articoli, non abbiamo fatto nessuna campagna di promozione su nessun canale, NIENTE!

Man mano con il tempo il blog e i suoi articoli si sono indicizzati, hanno portato traffico, poco all’inizio, poi sempre più traffico, e ora stiamo trattando contratti, collaborazioni, clienti, anche con un possibile cliente che vuole indicizzare un e-commerce in Russia su Yandex!

Infografica – Esempio Inbound Marketing n. 2

Per quanto fantastico possa essere il contenuto scritto, le persone non hanno sempre il tempo (o il desiderio) di sedersi e “consumare” 2000 parole sulle parole chiave a coda lunga o sull’inbound marketing journey.

A volte, il tuo potenziale cliente desidera solo una rapida istantanea di dati approfonditi, presentati idealmente in un formato esteticamente piacevole.

Inoltre, se le informazioni che condividi sono particolarmente preziose, ad esempio come questa immagine sui dati di riferimento per gli annunci sui dispositivi mobili in 18 settori, ci sono buone probabilità che generino un notevole interesse e quindi più visite al tuo sito.

Questo interesse inoltre, abbiamo potuto costatare, ha un impatto duraturo e concreto sulle prospettive di attirare e convertire i potenziali lettori, clienti etc..

Se riesci a convincere le persone a parlare del tuo marchio, vedrai che le conversioni in pochissimo tempo arriveranno.

Un white paper – Esempio Inbound Marketing n. 3

Prima di tutto la domanda.

Cos’è un white paper?

Siccome da bravi Italiani, la nostra lingua non ci piace, chissà perché, dovevamo abitualmente chiamarlo all’inglese.

Un Whitepaper (o Libro bianco) é la sintesi di una ricerca.

Spiega brevemente, dalle 3 alle 30 pagine, i punti fondamentali e generalmente tecnici dell’oggetto della ricerca condotta.

Definire il contenuto e lo scopo di un white paper dipende da chi lo redige e dallo scopo che si prefigge.

Siccome stiamo parlando di Inbound Marketing lo scopo é generalmente informare.

Infatti chi é interessato all’argomento del Libro Bianco vorrà conoscere i dati contenuti, le conclusione e il nostro Marchio per arrivare poi ad un contatto.

Obbiettivo primario: vendere prodotti o servizi online

L’obbiettivo finale sarà vendere i nostri prodotti facendo leva sulla Fiducia acquisita dal lettore leggendo il documento.

Il settore in cui si trova la propria Azienda é chiaramente importante, anche se, per creare un Whitepaper, si possono raccogliere dati da varie ricerche online, studi di settore, centri studi etc. che sono ormai di facile reperimento.

Per i nostri scopi, definiremo un white paper come un contenuto educativo approfondito e ben studiato.

Di solito adotta un tono un po’ più formale rispetto al post sul tuo blog.

Mentre scrivere un post sul proprio blog è una attività settimanale, un white paper è una attività intensa che fatta una volta, rimane e ti aiuta ad attrarre visitatori per molto tempo.

Di norma, i potenziali lettori, interessati e clienti, che scaricano un white paper si aspettano livelli più elevati di rigore, profondità, originalità e valore del contenuto presentato.

Dovrebbe anche avere un bell’aspetto, quindi essere impaginato bene, con immagini che spiegano dati e concetti tecnici, ma non troppo “marchettaro”. Ricordatevi che l’aspetto fa la differenza quindi é buona cosa curare anche questo aspetto.

Immagine presa da Lodgify – https://www.lodgify.com

Scaricate il WhitePaper da cui abbiamo tratto la foto dalla copertina qui sopra. E’ un documento di 30 pagine circa, asciutto e sintetico nei contenuti con immagini relative alla parte tecnica spiegata nel testo che spiega in sintesi come fare local SEO e nel contempo pubblicizza il sito Lodgify.

Perché pubblicizzare il sito Lodgify è lo scopo del Whitepaper

Il vantaggio principale di un white paper

Il vantaggio principale di un white paper rispetto a un post di blog o un’infografica è che puoi richiedere informazioni di contatto in cambio.

Inoltre, da non trascurare, fornisce valore alle persone che cercano il tuo prodotto o servizio.

In questo modo, dopo che i lettori hanno scaricato i tuoi contenuti, puoi utilizzare l’email marketing per farli avvicinare alla conversione.

E cosa ancora più importante, avere il contatto vuol dire che puoi sempre contattare gli indirizzi email acquisiti (ovviamente nel rispetto della Privacy), inviando i tuoi articoli, mettendoli a conoscenza di offerte, prodotti o servizi

Segui il bottone qui sotto per vedere un esempio di Libro Bianco che abbiamo realizzato per un nostro cliente nel settore immobiliare

Piano di Marketing Immobiliare di un cliente

Un ebook – Esempio Inbound Marketing n. 4

Potresti essere confuso, in quanto i vantaggi di un ebook, nell’inbound marketing, sono abbastanza simili a quelli di un white paper.

In realtà un eBook ha toni e contenuti diversi rispetto a un Whitepaper e quindi può essere un ulteriore risorsa molto utile per educare i tuoi potenziali clienti. Inoltre può sempre parlare di un argomento diverso rispetto al Whitepaper quindi senza avere sovrapposizioni di contenuti.

È un’altra opportunità per sviluppare il tuo marchio come risorsa autorevole di informazioni utili e approfondite.

In genere, è gratuito e scambiato con le informazioni di contatto.

Usa un e-book nella tua Strategia Inobund

Se decidi di incorporare gli e-book nella tua strategia inbound marketing, e lo consiglio vivamente, non svolgere questo compito alla leggera.

Ricorda: stai scrivendo un libro. Quindi meglio lo scrivi e più risultati otterrai

Ciò implica un livello piuttosto serio di impegno. Dovresti riservare a questo formato i contenuti migliori e il materiale più interessante per i tuoi lettori.

L’obiettivo é di convincerli dell’autorevolezza del tuo Marchio, dell’utilità del tuo prodotto o servizio e sviluppare la fiducia nelle soluzioni che puoi proporre.

Inbound Marketing Esempio n. 5: il caso di studio

Immagina di essere un imprenditore nel settore Immobiliare.

Stai navigando su internet per cercare spunti su come promuovere i tuoi servizi e in particolare farti contattare da potenziali clienti che vogliono vendere casa.

Stai cercando di capire quali nuovi sistemi di promozione immobiliare usano. Mentre navighi nel blog di una delle agenzie concorrenti… ti imbatti in un caso di studio.

Punta i riflettori sulle tue caratteristiche migliori con un Caso Studio

Racconta la storia di una agenzia immobiliare – simile alla tua – che ha sviluppato una strategia di Inbound Marketing.

Facendo degli esempi, spiega tutte le attività di Marketing Immobiliare che, da allora, le hanno permesso di registrare rendimenti positivi.

Il Caso Studio Immobiliare spiega:

  • Abbiamo analizzato il posizionamento online del sito internet con un Audit approfondito della situazione.
  • Come è stata creata una Strategia di Marketing Immobiliare Inbound. Ciò ha potuto migliorare i punti deboli, esaltare i punti forti e estendere la promozione con altre iniziative e su altri canali.
  • Come é stata condotta una attività di SEO tecnica per migliorare le performance del sito e adeguarlo al mobile.
  • Le attività SEO on-page e off-page fatte per migliorare le caratteristiche delle pagine e dei link in ingresso da una rete di siti partner
  • Le attività di Content Marketing che hanno permesso di ottenere il migliore posizionamento sui motori di ricerca. Intervento necessario per il sito dell’agenzia immobiliare. Posizionando migliaia di parole chiave specifiche nel settore immobiliare ottenendo così molto più traffico
  • Come è stata realizzata una sequenza di Email Marketing che copre 20 email e un anno di programmazione. Questo ha permesso di tenere sempre presente nella mente dei contatti l’agenzia immobiliare del cliente. Sfruttando opportunità future, il passaparola e potendo comunicare in qualsiasi momento nuovi servizi o prodotti.

Questo caso studio ha fatto un’enorme differenza per il cliente in primo piano.

Strategia Inbound Marketing d’esempio per Cliente Agenzia Immobiliare di Pregio

Naturalmente, pensi a te stesso: “Bene, ciò significa che può funzionare anche per me, giusto?”

Questo è il potere di un caso di studio!

Dimostra alle persone interessate che il tuo prodotto o servizio ha fatto miracoli per le persone come loro.

A quel punto, con fiducia e convinte di poterlo fare anche loro, con il tuo aiuto, ti contatteranno!

Un webinar – Esempio Marketing Inbound 6

Non è sempre facile mettere personalità nei tuoi contenuti scritti.

È vero che la relativa informalità dei post su un blog consente di fare battute scherzose. Ma quando si tratta di esempi come quelli fatti poco più sopra nel caso di white paper ed e-book, potresti trovarti a desiderare di poter aggiungere qualcosa di un po’ più … umano.

È qui che entra in gioco il webinar.

Avresti mai pensato di tenere un seminario su Internet?

Un webinar è un seminario su Internet: contenuti in stile conferenza presentati a un pubblico web esclusivo.

Con questo formato, un membro (o alcuni membri) del tuo team, che si occupano di content marketing per la tua Azienda, hanno l’opportunità di fornire informazioni preziose facendolo in modo altamente coinvolgente, diretto e di bell’aspetto.

Emozionate i vostri potenziali clienti e si ricorderanno di voi

Un Webinar è molto eccitante, per chi lo conduce certamente, ma anche per chi partecipa perché, se é molto interessato all’argomento, sarà contento e interessato per aver trovato risposte, soluzioni e qualcuno che entri in empatia con lui rispetto ai suoi dubbi e alle sue frustrazioni.

La presenza di una persona di esperienza, anche se solo la sua voce (nei casi in cui si proietti una presentazione con delle slide), crea la sensazione che il tuo marchio sia in diretta conversazione con i tuoi potenziali clienti.

E, ancora una volta, anche il Webinar ti dà la possibilità di richiedere informazioni ai tuoi potenziali clienti, per poter partecipare, rende il webinar una tattica di generazione di lead particolarmente valida.

Fai SEO con un podcast

n. 7: un podcast

Anche se sembra una tecnologia di altri tempi, i podcast funzionano e anche molto bene. Sta anche crescendo il numero di persone che ascoltano audiolibri! Ciò conferma che l’audio é uno dei contenuti più interessanti, soprattutto quando ci si sposta e un libro é di difficile lettura, in treno, camminando, in metro.

Come abbiamo detto per i webinar, il formato podcast ti consente di dare più personalità al tuo Brand. I potenziali clienti si ricorderanno di te come una risorsa preziosa, affidabile e diversa da tutte le altre e il tutto in modo molto facile, registrando un audio.

Un podcast é più semplice di quanto sembri!

Il podcasting non deve essere laborioso. Se hai un computer portatile, un paio di microfoni e un posto tranquillo dove poter registrare per 20 minuti o mezzora.

Un episodio del tuo podcast di 30 minuti a settimana è tutto ciò che serve. Diventerai un marchio riconosciuto, coinvolgente che i potenziali clienti ascolteranno durante i loro spostamenti del lunedì mattina.

YouTube Marketing con una serie di video – Esempio n. 8

Ti risparmierò le statistiche di marketing sui video che avrai già sentito e sai già che sono esplosive, ma ti dico solo questo:

I contenuti video spaccano, veramente.

I video ormai da 3/4 anni a questa parte sono in crescita perchè è coinvolgente e, soprattutto, è efficace.

È ciò che la gente vuole vedere mentre scrolla Facebook e Instagram.

Per la tua azienda funziona perché dà vita al tuo marchio.

Guarda il video di un nostro cliente

Mentre è utile rendere più lunghi i tuoi contenuti scritti, i video sono i migliori quando sono di dimensioni ridotte.

Ci sono eccezioni a ogni regola, ma chi usa i social media guarda video che durano massimo di un minuto o due.

Inoltre, il video è un’ottima opportunità per riutilizzare i contenuti in un formato più digeribile.

Un potenziale cliente potrebbe non aver avuto il tempo di partecipare al tuo webinar, ma può, in due minuti su LinkedIn ottenere le idee di base.

Sì, preferiresti che frequentasse il webinar e compilasse un modulo, ma non è neanche male costruire la tua reputazione con dei video.

Per ultima la SEO: ottimizzazione dei motori di ricerca – Esempio n. 9

Quale modo migliore per completare questa guida se non con la strategia di marketing inbound che rende gli otto punti precedenti ancora più efficaci?

SEO è un termine generico in sé e per sé, riferito alle pratiche che puoi (e dovresti) utilizzare per rendere i tuoi contenuti più visibili nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca.

Non importa quanto sia elegante il tuo ebook o quanto sia fluido il tuo podcast. Se i potenziali clienti non ti trovano effettivamente nei risultati di ricerca organici.

Ciò significa posizionare i tuoi contenuti in prima pagina, idealmente al centro o in alto.

Altrimenti, non stai portando nessuno sul tuo sito web!

Presa da Smart Insights.

Nel grafico vedi come la posizione nella SERP influenza il CTR o Click Trough Rate verso i tuoi articoli

Il SEO on-page comprende tutto ciò che puoi fare direttamente sul tuo sito Web per rendere i tuoi contenuti più visibili sulla SERP.

A livello macro, ciò significa creare contenuti orientati alle persone, che siano di alta qualità e rispondano veramente alle loro domande.

Se non risolvono i loro problemi non saranno interessanti e quindi non verranno letti.

A livello micro significa ottimizzare i contenuti per determinate parole chiave. Solo questo potrà garantire che siano considerati pertinenti quando gli utenti effettuano determinate ricerche.

La SEO off-page comprende tutto ciò che accade fuori dal tuo sito.

In sostanza, l’obiettivo è acquisire collegamenti ai tuoi contenuti da siti Web affidabili.

Ogni link indica ai motori di ricerca che i tuoi contenuti sono buoni e, quindi, degni di salire nelle prime posizioni a livello organico.

Sto semplificando eccessivamente, ma hai capito bene: la SEO è una parte enorme del marketing inbound.

Le persone non visitano i siti Web che non sanno che esistono.

Leggi l’articolo che mostra ESEMPI di strategie Inbound Marketing adatte a te.

Conclusione Inbound Marketing Esempi

Se siete arrivati fino alla fine di questo post o se avete saltellato qua e la tra gli esempi più interessanti vi ringraziamo molto perché significa che siamo riusciti a interessarvi e intrattenervi.

Qualsiasi suggerimento, intervento, commento e precisazione é il benvenuto. Potete fare un commento qui sotto o semplicemente mandarci un email.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *