[TF-IDF] Ottimizzazione Contenuti SEO

TF-IDF ottimizzazione contenuti SEO avanzata… bho?

TF-IDF è un concetto SEO avanzato, è qualcosa di cui si sente parlare da un po’ di tempo nella SEO.

Google lo ha utilizzato per diverso tempo per capire i testi e ottenere così informazioni insieme ad altre metriche per posizionare il tuo sito nel suo motore di ricerca.

Anche i SEO specialist come noi abbiamo capito le possibilità che mette a disposizione questa tecnica SEO e il suo potenziale.

Scopri come diventare SEO esperto >>

Con questa tecnica si é iniziato a sostituire la densità delle parole chiave con il valore TF-IDF per valutare l’ottimizzazione dei contenuti avanzata.

Si é capito che poteva contribuire in modo efficace ad abbassare l’influenza delle parole funzionali nel testo (come le stop words) e quindi a renderlo più rilevante in termini SEO.

John Mueller di Google ha recentemente spiegato che questa strategia di ottimizzazione è inutile oggi.

Vi mostreremo invece come TF-IDF aiuta a ottimizzare una pagina di contenuto per il suo argomento principale.

Che cos’è TF IDF?

Per poter usare TF-IDF per l’ottimizzazione contenuti SEO dobbiamo quindi conoscere cos’è e capire come funziona.

Partiremo dalle basi per poi inoltrarci in aspetti più tecnici leggermente più complessi.

l’acronimo TF-IDF

In termini letterali i due acronimi, significano:

  • Frequenza dei Termini
  • Frequenza Inversa dei Documenti.

Con Termini si intendono le parole o i gruppi di parole (intese come key phrase da 2 parole, 3 parole, 4 parole come le parole chiavi a coda lunga) contenute nel documento o articolo che vogliamo ottimizzare per i motori di ricerca.

Per Documenti invece intendiamo documenti dello stesso argomento del nostro documento o articolo di riferimento che ci aiutano a capire quali termini contengono e che rilevanza e importanza questi termini hanno.

Cosa non é la TF-IDF

La TF-IDF non va confusa con la keyword density.

Infatti la densità delle parole chiave indica solamente in che percentuale, una certa parola o parola chiave (sempre intesa come più parole che danno un concetto di ricerca) , è contenuta in un testo. Non mette in relazione il nostro testo e altri articoli correlati o dello stesso argomento

Cos’è TF-IDF

Questa metrica ci fa invece capire in maniera più approfondita quale importanza ha un certo termine all’interno di documenti simili a quello che stiamo analizzando e quanto è utilizzato nell’articolo che stiamo scrivendo.

Formula TF-IDF per l’ottimizzazione contenuti SEO

Quindi TF-IDF si può esprimere con un’equazione che trovate qui sopra.

Essa combina i due valori:

  • la misurazione della frequenza con cui un termine è utilizzato in un testo (TF)
  • la misurazione della frequenza con cui lo stesso termine è presente in tutte le pagine di un gruppo di testi definito (IDF)

La formula assegna ad ogni termine un punteggio, o peso, e ne definisce quinti l’importanza per l’articolo.

Attenzione che il peso è dipendente dal gruppo di pagine simili che si prendono in relazione e cambiando il gruppo cambieranno anche i punteggi.

Perché TF-IDF è importante nell’ottimizzazione contenuti SEO

Vedremo tra poco perché questa metrica, e non la Keyword Density, è così importante per il posizionamento SEO.

Capiamo prima da dove proviene questa tecnica SEO.

Questa equazione ha una storia ben precedente all’introduzione della SEO come tecnica di posizionamento sui motori di ricerca.

TF-IDF non é nata con la SEO

La sua storia comincia nel mondo accademico, infatti nel campo delle ricerche a vari livelli e in campi diversi:

  • come nella linguistica
  • o in architettura dell’informazione

veniva usata per analizzare enormi biblioteche di documenti in breve tempo.
Viene anche utilizzata da programmi di reperimento informazioni, guarda un po’, come i… Motori di Ricerca?

I motori di ricerca la usano infatti per ordinare i contenuti e valutare un articolo in modo efficiente a livello di pertinenza SEO confrontandolo con milioni di risultati.

Attenzione però alla differenza tra l’utilizzo da parte del motore di ricerca e l’utilizzo da parte tua o nostra

Infatti i motori di ricerca hanno la necessità di prendere in considerazione una raccolta comprendente moltissimi articoli o documenti che sono i vari risultati presenti nel loro database di pagine per valutarli.

Nel caso dell applicazione di TF-IDF come tecnica di ottimizzazione SEO avanzata, noi vogliamo confrontare la nostra pagina o il nostro sito Web con i siti che lo stanno superando.

Ti piacerebbe sapere come si posiziona il tuo articolo rispetto ai TOP 10 per una certa parola chiave?

Con TF-IDF puoi scoprirlo e ottimizzare i contenuti a livello SEO in modo molto efficace

Questa differenza è importante rispetto ai motori di ricerca.

Inoltre questa considerazione ti fa capire l’importanza e le potenzialità che può avere TF-IDF per la tua strategia SEO, il miglioramento del posizionamento del tuo sito o dei siti dei tuoi clienti.

Scopri gli Strumenti SEO WordPress che usiamo >>

Ci stiamo addentrando nell’ottimizzazione contenuti SEO, adesso arriverà qualche formula, e potrebbe essere complicato, ma non scoraggiarti, per riuscire a posizionare il tuo sito in prima pagina dei motori di ricerca ci vuole impegno. Continua a leggere e otterrai ottimi risultati, questa é una tecnica SEO avanzata!

Cerchi un TF-IDF tool per l’ottimizzazione contenuti SEO?

Confronta i contenuti del tuo sito Web con i tuoi concorrenti utilizzando TF-IDF per l’ottimizzazione SEO.

Scopri rapidamente che cosa ti stai perdendo nella SEO del tuo sito, usalo per raggiungere e superare i tuoi competitor. Con i tool TF-IDF che trovi online potresti scoprire alcune parole chiave per cui non sei indicizzato e aumentare le il numero di SERP per cui si posizionano i tuoi contenuti oltre che migliorare il posizionamento del tuo contenuto all’interno di ogni singolo risultato dei motori di ricerca.

Guarda il video che spiega come funziona uno di questi strumenti SEO.


Questo tool anche se a pagamento può essere una possibilità veloce per analizzare i tuoi contenuti e confrontarli con quelli dei tuoi concorrenti per raggiungerli e superarli.

Conosci gli strumenti SEO che abbiamo valutato per te? >>

Come ottimizzare i contenuti on-page

Dalla formula che abbiamo presentato prima dovrebbe essere chiaro il primo dei due termini, TF. Esprime la frequenza dei termini nel proprio documento. L’altro temine forse non é così semplice da capire, cos’è la frequenza inversa dei documenti?

Diamo un altra occhiata alla formula TF-IDF:

Formula TF-IDF per l’ottimizzazione dei contenuti

Si nota come, la seconda parte dei termini dopo il segno di uguaglianza, dopo l’operano x (moltiplicazione) è un logaritmo.

Precisamente il logaritmo di N, numero dei documenti di cui si sta facendo l’analisi, diviso “df” cioè il numero di documenti in cui si trova il termine i di cui stiamo valutando il valore.

Siccome questo valore df é al denominatore ecco perché parliamo di “inversa”. La frequenza inversa del termine trovato nei documenti analizzati.

Non preoccuparti, non devi fare i conti perché ci sono strumenti online che fanno il calcolo.

Però prima di utilizzare uno strumento, è sempre bene capire il meccanismo che sta dietro per poter valutare i risultati e dargli il giusto peso.

Il valore TF-IDF non è solo una forma più “furba”, rispetto alla Keyword Density, di densità di parole chiave.

Capiamo meglio con un esempio

Esempio: se hai una pagina di 1.500 parole e la tua parola chiave appare 12 volte, il suo TF o frequenza di termine é

TF = 1 + log(12) / log(1500) = 2.079 / 3.176 = 0.65 


Se aumenti la frequenza della parola chiave es. da 12 passa a 17, nello stesso documento, il suo TF non cambierà molto:

TF = 1 + log(17) / log(1500) = 2.230 / 3.176 =  0.70

Quindi il TF indica quando una parola chiave é stat usata troppo spesso o troppo poco.

Da solo è piuttosto inutile perché senza sapere che importanza assume nel testo quella specifica parola chiave non indica molto.

Per evitare di avere una metrica debole, serve anche l’IDF.

L’IDF dà una valutazione complessiva di una certa parola chiave.

Infatti misura il rapporto tra il numero totale di documenti in un insieme analizzato e il numero di documenti che contengono la parola chiave.

Ipotizziamo di avere due parole chiavi che confrontiamo in uno stesso insieme di documenti.

La Keyword1 é molto presente:

IDF = log(1 + (100/90) = log (1 + 1.11) = 0.32 

La Keyword2 é presente raramente:

IDF = log(1 + (100/30) = log (1 + 3.33) = 0.63

In base a questi valori di IDF e prendendo l’ultimo valore TF calcolato (0.70), ecco i risultati dei due TF-IDF per le due parole chiave:

TF-IDF (keyword1) = TF x IDF(keyword1) = 0.70 x 0.32 = 0.224

TF-IDF (keyword2) = TF x IDF(keyword2) = 0.70 x 0.63 = 0.441

Cosa ci dicono questi valori?

Dobbiamo interpretare i risultati per essere sicuri di aver capito e di usare bene questo strumento.

Se una parola chiave, la nostra keyword1, è una parola comune, molto probabilmente verrà utilizzata in una grande quantità di documenti.

Quindi, il suo valore IDF sarà minuscolo e moltiplicandolo per TF, esso non cambierà molto.

Se il termine si trova solo in alcuni documenti, il suo valore IDF sarà sensibilmente più grande con conseguente punteggio TDF-IDF maggiore.

Quindi, mentre la densità delle parole chiave, riflette solo quanto il testo sia stato riempito con una determinata parola chiave, TF-IDF è una metrica più sofisticata. Riflette l’importanza di una specifica parola chiave in una determinata pagina.

L’importanza delle parole e delle frasi più utilizzate tra i vari documenti sarà minore, mentre i termini rari e significativi aumenteranno di importanza.

Se ciò è chiaro ci chiediamo…

Ma cosa può fare TF-IDF in termini di ottimizzazione contenuti SEO?.

Come usare TF-IDF per la SEO?

Perché può essere importante utilizzare TF-IDF per la SEO?

Anche se come formula TF-IDF non viene più utilizzata dagli anni 70, ed anche Google dice di non utilizzarla più nei suoi algoritmi, riteniamo che sia uno strumento valido per chi vuole capire meglio i propri contenuti con numeri alla mano.

Chiaramente ci sono falsi positivi ovvero parole chiave che pur essendo rilevanti per il loro valore TF-IDF, non sono rilevanti per l’argomento trattato nel nostro articolo.

Cercate di avere sempre un occhio critico per i dati che leggete ed eliminate ciò che non ha senso nel vostro caso particolare

Qual’è l’obiettivo della tecnica TF-IDF per l’ottimizzazione contenuti SEO

L’obiettivo finale che dobbiamo porci usando la formula TF-IDF è di essere in grado di dare un punteggio di pertinenza efficace ai contenuti.

Usando gli strumenti TF-IDF online disponibili, puoi quindi confrontare il punteggio di una pagina con i punteggi delle pagine dei concorrenti che hanno le migliori prestazioni.

Puoi fare questo per qualsiasi parola chiave che sia rilevante per l’indicizzazione del tuo contenuto e quindi trovare dove ottimizzarlo per scalare la SERP di Google.

Classificando le pagine secondo la metrica TF-IDF, puoi diminuire il divario di indicizzazione delle pagine classificate sui motori di ricerca in base agli argomenti.

L’analisi TF-IDF ti farà ottimizzare l’equilibrio delle parole di ricerca nei contenuti che i motori di ricerca stanno già premiando con la prima pagina nella SERP.

Ciò significa che sono state valutate positivamente dall’algoritmo.

Questa tecnica SEO ti permetterà di analizzare qualsiasi parola chiave rilevante per l’indicizzazione del tuo contenuto e quindi capire come ottimizzarlo per scalare la SERP di Google.

Keyword research avanzata

Se sai già come fare keyword research per condurre un analisi keyword accurata, sarai alla ricerca di tecniche SEO e strumenti di ottimizzazione sempre nuovi per migliorarla.

TF-IDF ti aiuta in questo perchè

Come abbiamo detto la metrica SEO TF-IDF fa un passo avanti rispetto alla keyword density delle parole chiave. Infatti apre possibilità di ottimizzazione avanzata dei contenuti perché ti fa scoprire intere famiglie di parole chiave nuove contenute su altri siti web.

Ottimizziamo il sito di una Agenzia Immobiliare

Facciamo un esempio pratico, immagina di aver già completato la ricerca di parole chiave per ottimizzare il sito di una Agenzia Immobiliare.

Prendiamo in considerazione la pagina “servizi immobiliari” di alcune Agenzia Immobiliari in zona Milano, Monza.

La maggior parte degli strumenti di ricerca per parole chiave ti daranno come risultati delle parole chiave del genere:

  • servizi immobiliari
  • servizi immobiliari milano
  • servizi immobiliari cornaredo
  • servizi immobiliari monza
  • servizi immobiliari brianza

Usando invece gli strumenti TF-IDF elencati di seguito, sarai in grado di trovare anche termini non strettamente correlati alla SEO ma che vengono utilizzati dalle pagine posizionate in prima pagina dei motori di ricerca.

Parole chiave che non ti saresti aspettato utilizzando i soliti strumenti di ricerca di parole chiave .

Termini come:

  • annunci immobiliari proponi
  • immobiliari proponi immobile
  • proponi immobile servizi
  • immobile servizi immobiliari

Questi sono termini usati da un competitor, rilevanti per il contesto “servizi immobiliari” e molto importanti perché includono le parole annunci, immobiliari, servizi, proponi.

Queste parole non appaiono negli strumenti di keyword research tradizionali.

Il motivo é che gli articoli stessi non sono posizionati in SERP per quei termini, tuttavia sono necessari per capire l’intento di ricerca.

Per fortuna non é necessario calcolare manualmente i valori TF-IDF per le varie pagine del tuo sito e dei siti concorrenti.

Ci sono strumenti che facilitano tutto il processo di reperimento dati e calcolo e in pochi passaggi avrai i risultati pronti da analizzare.

Scopri come fare keyword research gratis per le tue google ads keyword con gli strumenti TF-IDF che trovi qui sotto

Strumenti di analisi TF-IDF dei contenuti

Per l’ottimizzazione SEO dei contenuti sono molti gli strumenti che si trovano online. Per quanto riguarda i tool SEO che effettuano una analisi TF-IDF c’è ne sono alcuni a pagamento ed altri gratis o con funzionalità SEO gratis e versione pro a pagamento.

Di seguito vi riportiamo alcuni strumenti che abbiamo usato

Strumenti SEO gratis per analisi TF-IDF

Strumenti SEO a pagamento per l’analisi TF-IDF

Conclusioni

Magari non hai mai sentito parlare di TF-IDF prima dell’ultimo anno. Eppure hai scoperto che é una tecnica usata per l’analisi dei testi dagli anni 70.

Non c’è problema se non hai ancora iniziato a utilizzarla perché con noi hai imparato a capire come usarla e con quali strumenti SEO.

Se ti stavi chiedendo:

  • come scegliere le parole chiave?
  • come trovare le parole chiave giuste per il mio sito?
  • che parole chiave usare in google Adwords per le mie campagne?

Crediamo di averti dato uno strumento ancora più avanzato per scegliere le tue parole chiave e le migliori per migliorare il tuo posizionamento web.

Molte mode SEO vanno e vengono ormai te ne sarai accorto se hai lavorato o fatto un po di SEO.
La tecnica TF-IDF è un po’ diversa, non lavora sulla manipolazione dei motori di ricerca.

E’ un metodo per analizzare i contenuti ed è basato sugli stessi principi dei motori di ricerca.

Ha un potenziale straordinario per la SEO e ti permette di fare una ottimizzazione contenuti avanzata per misurare e migliorare i tuoi articoli.

Speriamo di averti aiutato e ti chiediamo di commentare o scriverci per qualsiasi dubbio… anche se vuoi chiederci una consulenza SEO ovviamente!

Risorse