Per quanto tempo i clienti aspetteranno il caricamento del tuo sito web?

3 secondi: in che modo la velocità del sito Web influisce su visitatori e sulle vendite

Quando si tratta dell’esperienza dell’utente, il tempo di caricamento di un sito Web è uno dei fattori decisivi per il successo. La pazienza dei visitatori è in costante calo. La maggior parte abbandonerà un sito se non viene caricato entro 3 secondi. Per un’azienda significa vendite, lead e opportunità persi. È un vero assassino delle vendite.

Lo stesso vale per il processo di ricerca: se il caricamento delle immagini dei prodotti impiega troppo tempo o i risultati della ricerca non vengono visualizzati abbastanza velocemente, gli acquirenti generalmente non attendono molto e interrompono il processo di acquisto. Per un rivenditore online, ciò significa che la conversione da visitatori a clienti ha un impatto negativo anche prima dell’inizio dell’acquisto

Gli esperti di marketing si concentrano maggiormente su estetica, contenuti, social media, ricerca a pagamento e altre attività di marketing online. Mentre si concentrano su questi argomenti, perdono l’enorme potenziale e l’importanza di ottimizzare le prestazioni del sito Web con la SEO e le performance di velocità del loro sito.

Studi sul bounce rate di un sito

I risultati di vari studi mostrano che quasi il 50% degli utenti di Internet prevede tempi di caricamento delle pagine Web inferiori a 2 secondi. Se la pagina viene caricata solo dopo 3 secondi, gran parte dei visitatori lascia il sito Web.

Inoltre, quasi l’80% degli utenti che hanno avuto scarse prestazioni su un sito web evitano quelle pagine in modo permanente e non ritornano più. Ritardare il tempo di caricamento della pagina Web di un secondo riduce la soddisfazione del cliente di circa il 16 percento.

Altri studi dimostrano la relazione diretta tra tempo di caricamento del sito Web e traffico delle pagine. Ad esempio, Google ha sperimentato nel 2006 in questo modo: il numero di risultati di ricerca visualizzati è stato aumentato da 10 a 30. Di conseguenza, il tempo di caricamento è stato aumentato di solo mezzo secondo. Il risultato è stato drammatico, con traffico e ricavi in ​​calo di circa il 20 percento.

Se Facebook, Google e Bing hanno notato che i siti Web lenti stanno perdendo visitatori, sicuramente chiunque può capire che ciò ha un impatto enorme sui tassi di conversione, sulle vendite e sui ricavi dei grandi siti Web di e-commerce ma anche del sito web di una azienda locale più piccola.

Esempi dal mondo reale

I seguenti fatti dimostrano l’impatto positivo dei tempi di caricamento rapidi sull’esperienza utente e sul tasso di conversione.

1. Amazon: perdita dell’1% delle vendite ogni 100 ms di tempo di caricamento

Nel 2007 Amazon ha scoperto una connessione tra tempo di caricamento e fatturato. È stato dimostrato che per ogni 100 ms di tempo di caricamento aggiuntivo, Amazon perde un fatturato dell’1%.

2. Walmart: + 2% di conversione per 1 secondo di miglioramento del tempo di caricamento

Walmart, una delle principali catene di negozi al mondo, ha anche capito che l’ottimizzazione dei tempi di caricamento nel loro negozio online ha avuto un impatto significativo sul loro tasso di conversione. Hanno visto un aumento del 2% nella conversione per ogni secondo di miglioramento. Sulla scala di Walmart sono soldi veri!

3. Influenza delle prestazioni del sito Web sul comportamento di acquisto

Secondo KISSmetrics, quasi l’80% degli acquirenti online non è soddisfatto delle prestazioni del sito Web e dei tempi di caricamento, il che ha un impatto significativo sulla soddisfazione del cliente, sulla restituzione e sull’esperienza dell’utente.

In che modo la velocità del sito Web influisce sul traffico dei motori di ricerca

Non è una novità che Google guardi alla velocità del sito Web quando classifica i siti. Già nel 2010, Google ha annunciato ufficialmente che i tempi di caricamento sarebbero stati un fattore nel suo algoritmo di ranking della ricerca e lo ha ribadito di recente.

Google preferisce i siti Web con tempi di caricamento rapidi poiché influisce positivamente sull’esperienza dell’utente e riduce i costi operativi.

Un altro vantaggio dei siti Web veloci è che i motori di ricerca possono eseguirne la scansione in modo più efficace. Naturalmente, questo è un eccellente vantaggio per i siti di e-commerce di grandi dimensioni con migliaia di pagine. I siti Web veloci offrono quindi potenzialmente l’opportunità di migliorare le classifiche di ricerca organiche.

Oltre ai risultati di ricerca organici, il tempo di caricamento è un fattore determinante nel determinare il punteggio di qualità di Google AdWords. Questo può costare alle aziende molto soldi.

Qual è il tempo di caricamento ottimale?

Non è facile trovare informazioni accurate sui tempi di caricamento ottimali.

Ma questo non è sorprendente. Il tempo di caricamento ottimale può cambiare da visitatore a visitatore.

Alcune persone sono naturalmente più impazienti, mentre altre possono aspettare un paio di secondi senza arrabbiarsi. Che tipo di contenuto si aspettano può anche influenzare la loro pazienza.

Ad esempio, se vuoi guardare un video, probabilmente accetti un tempo di caricamento più lungo. D’altra parte, se stai visitando una pagina Web ricca di testo, la tua pazienza svanisce rapidamente.

Lo stesso vale per i tuoi visitatori. Se devono aspettare troppo a lungo, si distrarranno rapidamente e inizieranno a fare altre cose o lasceranno del tutto il sito.

Secondo uno studio di Akamai, il 40% dei visitatori avrebbe lasciato un sito Web se avesse dovuto attendere più di 3 secondi.

Con un secondo tempo di attesa aggiuntivo il 2% dei visitatori abbandona, ma dopo un secondo di attesa in più un altro 10% abbandona ancora.

Il drammatico aumento dei salti a partire da un secondo di attesa può essere spiegato con i seguenti limiti di percettività umana.

I tre limiti critici del tempo di caricamento

Secondo Jakob Nielsen, ci sono tre limiti critici che dovresti tenere a mente quando ottimizzi il tempo di caricamento del tuo sito web.

Fino a 0,1 secondi

Fino a questo limite, il visitatore ha la sensazione che il sistema reagisca istantaneamente alla sua richiesta / azione. Pensa di essere responsabile del risultato e non del computer.

Fino a 1 secondo

Se il tempo di caricamento di un sito Web è di circa 1 secondo, il visitatore della tua pagina noterà questo ritardo. Tuttavia, può ancora concentrarsi completamente sul suo compito e il suo flusso di pensiero non è disturbato.

Fino a 10 secondi

Da questo punto, diventa difficile per un visitatore focalizzare la sua attenzione sulla sua attività attuale. Il visitatore ha il desiderio di colmare il lungo tempo di caricamento con altre attività, o lascia del tutto il tuo sito web.

Questi tre limiti si basano sui risultati della psicologia percettiva. Nonostante la vecchiaia, sono ancora aggiornati come lo erano allora e puoi trarre conclusioni significative sui tempi di caricamento ottimali.

C’è un tempo di caricamento ottimale?

Abbiamo letto che secondo uno studio di Akamai, la frequenza di rimbalzo aumenta notevolmente dopo un secondo di tempo di attesa aggiuntivo.

Inoltre, hai imparato che con un tempo di attesa di circa un secondo, gli umani percepiscono i ritardi. Tuttavia, ciò non influisce sul flusso di pensiero del tuo visitatore. Solo con tempi di caricamento più elevati i visitatori trovano difficile concentrarsi sull’attività corrente.

È certo dire che il tempo di caricamento di 1 secondo è eccellente.

Per la maggior parte dei siti Web, consigliamo un tempo di caricamento non superiore a 1,5 secondi e sicuramente non oltre i tre.

Lascia un commento