Che cos’è il marketing inbound? Puoi farlo da te?

Oggi parliamo di marketing inbound o inbound marketing come é meglio conosciuto dal termine americano. In Italiano lo chiameremmo Marketing in Entrata, ma siccome non è molto chiaro cosa significhi anche rispetto al web marketing tradizionale vediamo di cosa si tratta.

Prima di rispondere brevemente alla domanda di questo articolo però vi scrivo una citazione, che spiega molto bene la potenza che può avere il marketing inbound per la strategia di Web Marketing della tua Azienda

“Marketing = getting people to know, like and trust you.”

John Jantsch – DuctTapeMarketing

Ma ora veniamo a come puoi migliorare il marketing digitale per la tua azienda seguendo l’inbound marketing!

Che cos’è il marketing inbound?

Inbound marketing è una metodologia di marketing che si focalizza sulle attività che permettono all’azienda di essere trovata dai potenziali clienti opposta alla metodologia tradizionale (outbound marketing) che invia messaggi verso il il cliente.

Mentre prima di parlava di Interruption Marketing, pensate agli spot pubblicitari televisivi. Ora, con il marketing inbound, parliamo di Permission Marketing ( Seth Godin) ovvero, cerchiamo di conquistare il pubblico scrivendo e proponendo contenuti utili e interessanti per il target di riferimento.

L’articolo potrebbe finire qui, perché in quei due paragrafi c’è il succo del Marketing Inbound.

Se vuoi approfondire l’argomento e leggere degli esempi di inbound marketing che ti spieghino meglio come farlo e come può essere importante per la tua Azienda sviluppare una strategia di Inbound Marketing, continua a leggere…

Inbound Marketing: moda passeggera?

Ma il marketing in entrata è molto più di una moda passeggera: è una seria sfida ai tradizionali sforzi di marketing outbound o interruption marketing, ed è popolare perché funziona.

Qualche dato sull’Inbound Marketing

Non convinto? Lasciamo che le statistiche parlino da sole. Il 68 percento dei marketer inbound afferma che la propria strategia di marketing è efficace, ma solo il 48 percento dei marketer in uscita – meno della metà! – direbbe lo stesso.

Esamineremo gli elementi essenziali di ciò che devi sapere per rendere il marketing inbound una realtà per la tua attività.

Pronto? Allaccia la cintura di sicurezza e cominciamo.

La definizione di marketing in entrata

Se sei qui perché hai appena digitato “cos’è il marketing in entrata” in Google, allora dovresti sapere due cose.

Innanzitutto, il fatto che tu ci abbia trovato su google è già un segnale del fatto che i nostri sforzi di inbound marketing stanno funzionando.

Quindi è fantastico!

Abbiamo anche una definizione meno enciclopedica di quella data all’inizio dell’articolo.

Che spiega più praticamente di cosa tratta e come può aiutarti praticamente il Marketing Inbound:

Il marketing in entrata è una strategia di marketing digitale che attira organicamente lead e acquirenti per la tua azienda quando cercano soluzioni, anziché competere per la loro attenzione.

Prima di approfondire facciamo un po’ la storia del contrario dell’ marketing in entrata: l’outbound marketing.

Perché dovrei usare il marketing in entrata?

Perché consente di creare fiducia con lead(contatti) di alta qualità che dimostrano un interesse attivo per il tuo prodotto o servizio.

Questo è particolarmente importante se la tua azienda ha un ciclo di vendita relativamente lungo. Se i tuoi potenziali clienti in genere impiegano il loro tempo a ricercare offerte diverse e valutare i pro e i contro di ciascuna.

Creare consapevolezza del tuo marchio e fiducia nei potenziali acquirenti del tuo prodotto é qualcosa di eccezionale oggi!

Supponiamo che tu sia un marketer B2B che vende software di gestione dei social media.

I tuoi clienti utilizzano la tua piattaforma per creare e pianificare tweet, post di Instagram, post di Facebook eccetera.

Il software che vendi è un investimento per l’acquirente: nessuno lo acquista per capriccio.

Se anche i tuoi prezzi siano equi e competitivi, i potenziali clienti confronteranno la tua offerta e quella dei tuoi concorrenti per valutare quali funzionalità e quale tra questi investimenti siano adatti a loro e alle loro tasche.

In pratica cercheranno di informarsi ed educarsi il più possibile prima di effettuare un acquisto.

“Spingere” semplicemente il tuo prodotto non lo venderà.

Devi dimostrare valore.

Devi coltivare il tuo marchio, che i tuoi potenziali clienti riconoscano, e a cui i tuoi potenziali clienti sanno di poter rivolgersi quando hanno bisogno di risposte.

Dopo mesi di ricerche e riflessioni sull’investimento, a chi penseranno i tuoi potenziali clienti?

Al prodotto che hanno incontrato brevemente su Facebook o nelle notizie o al Marchio da cui hanno ottenuto aiuto e informazioni preziose, esempi e suggerimenti?

La risposta l’hai già data tu nella tua mente!

Che cos’è il marketing in uscita?

Ci siamo arrivati, anche se la digressione é stata un po’ lunghetta.

Il marketing “in uscita” è ciò che a cui la maggior parte delle persone probabilmente pensa quando gli dici “Faccio Marketing” (e pensano anche generalmente male, non hanno una visione positiva…).

Nell’era pre-internet, quando le persone non avevano accesso immediato a informazioni da tutto il mondo, il marketing in uscita era la norma.

Tuttavia, i tempi sono cambiati e gran parte della tua base di clienti ora trova il marketing in uscita un po ‘troppo aggressivo, diretto e invadente.

Svantaggi del marketing in uscita

Credimi, l’ultima cosa che vuoi è venire fuori come disperato per i tuoi clienti

“compra il mio prodotto? Per favore?”

Questo per non parlare del fatto che il marketing in uscita è costoso.

È necessario effettuare un grande investimento iniziale di capitale e il rendimento di tale investimento può essere discutibile.

Anche se crei un annuncio straordinario per il tuo ristorante di hamburger, non contribuirà ad aumentare le entrate se si trova su un cartellone fuori da un comune in cui risiedono molte persone vegane o vegetariane.

La natura impersonale di molte strategie di marketing in uscita, l’incapacità di indirizzare determinati segmenti di mercato o analizzare il rendimento di una campagna: tutti questi sono motivi per cui l’outbound sta lottando per adattarsi al nostro secolo.

Il Marketing tradizionale è morto?

Mentre alcune persone si affrettano a proclamare il marketing in uscita “obsoleto” e “morto” nella ricerca di clic e attenzione, tuttavia, riteniamo che sia un po’ prematuro.

Aziende che utilizzano una strategia orientata verso l’Inbound Marketing in sinergia con tattiche intelligenti di Marketing Outbound, verso l’esterno, possono ottenere ancora più successo di quelle che usano solo il marketing inbound.

Immagine presa da – https://www.wordstream.com/blog/ws/2015/08/25/inbound-marketing-strategy

Inbound Marketing contro Content Marketing

Abbiamo parlato molto di “contenuti” quando si tratta di inbound marketing, quindi facciamo una pausa per un minuto per chiarire una cosa.

Sebbene molte aziende considerino il marketing in entrata e il content marketing come sinonimi, non sono affatto la stessa cosa.

In effetti, la maggior parte delle persone direbbe probabilmente che il content marketing è un sottoinsieme dell’ Inbound Marketing, una parte molto importante di esso, ma che non racconta l’intera storia.

Il content marketing è esattamente quello che sembra: creare contenuti online di alta qualità, utili, che migliorano la tua relazione con un pubblico mirato.

Questi contenuti possono assumere la forma di articoli di blog, contenuti di lunga durata o sempre verdi, post sui social media, infografiche, e-book, podcast, video o qualsiasi altro formato che ritieni pertinente per le persone che stai cercando di raggiungere.

Diversi tipi di contenuto vengono utilizzati per guidare le persone verso l’acquisto del tuo prodotto.

I tuoi contenuti possono riguardare una vasta gamma di punti deboli e preoccupazioni, in base alle mentalità delle persone e alla loro situazione nel percorso di acquisto (customer journey).

Che cosa è il funnel nel web marketing aziendale

Questo contenuto li “nutrirà” (lead nurturing) attraverso l’imbuto di vendita (meglio conosciuto come Funnel) verso la decisione finale di acquisto.

Nel marketing inbound, il contenuto è suddiviso in tre categorie in base alla probabilità che il pubblico previsto effettui un acquisto:

  • parte superiore della canalizzazione – Top of the Funnel (TOFU)
  • parte centrale della canalizzazione – Middle of the Funnel (MOFU)
  • parte inferiore della canalizzazione – Bottom of the Funnel (BOFU)

Siccome un immagine é più efficace di 1000 parole:


Immagini presa da – https://zerogravitymarketing.com/purchase-funnel/

Top of the Funnel – TOFU – Domanda Latente – Attrarre

I contenuti TOFU sono generalmente destinati alla fase di sensibilizzazione / conversione e di solito si presentano sotto forma di articoli di blog che i lettori scoprono tramite motori di ricerca, social media o e-mail marketing.

Questo contenuto dovrebbe essere indirizzato al più vasto pubblico possibile al fine di incoraggiare il maggior numero di conversioni (in altre parole, il maggior numero di persone che entrano nella canalizzazione).

Questa é la fase di Consapevolezza o Awareness tra le fasi del Funnel

In genere attira l’attenzione rivolgendo una particolare domanda o un punto dolente che il pubblico deve affrontare (es. Non sai come ottenere più clienti per scalare il tuo business?).

Dal momento che stai solo cercando di convertire i lettori, in questa fase dovresti evitare di lanciare apertamente le vendite. Limitati a ottenere un contatto, email o telefono che sia.

Middle of the Funnel- MOFU – Domanda Consapevole

I contenuti MOFU sono destinati ai lead che si sono già convertiti ma non sono ancora pronti per l’acquisto. Alcuni dei più preziosi tipi di contenuti MOFU sono risorse educative come webinar ed e-book.

Questo contenuto può diventare più tecnico e approfondire ulteriormente i vantaggi del tuo prodotto, con un tono di vendita più evidente. A causa della grande varietà di lead in questa fase, i contenuti MOFU possono anche prendere in prestito da TOFU e BOFU.

Bottom of the Funnel – BOFU – Intento d’acquisto – Vendere

Il contenuto per la fase BOFU è ciò che le aziende usano quando i lead sono in bilico al limite della chiusura, ma non l’hanno ancora fatto. In questa fase, puoi avere successo nel proporre al potenziale cliente interessato: casi studio, schede tecniche, demo, prove gratuite o sconti particolari.

Ora che abbiamo discusso del marketing dei contenuti, torniamo in entrata. Anche se il marketing in entrata dovrebbe includere quasi sicuramente contenuti penetranti e di impatto, è solo un pezzo del puzzle.

Insieme ai contenuti sopra descritti, Inbound comprende una varietà di strategie progettate per attirare l’attenzione dei potenziali clienti e convertirli in clienti paganti.

Adesso che abbiamo fatto questa panoramica su come creare un funnel semplice per il marketing spiegandoti le varie fasi del funnel di canalizzazione del marketing, manca la parte più succosa, ovvero le tecniche che usa il marketing inbound per ottenere i risultati.

Vediamo adesso più da vicino quali strumenti, strategie inbound, tecniche e tattiche si usano secondo questa metodologia.

La metodologia di marketing in entrata – Marketing Inbound

Non è esagerato dire che Internet abbia cambiato drasticamente il comportamento dell’acquirente e che le aziende si siano adattate a questi cambiamenti con nuove strategie come il marketing in entrata.

Anche i negozi fisici hanno dovuto affrontare gli effetti dirompenti della tecnologia digitale e del web marketing.

Uno studio condotto da Google, ad esempio, ha rilevato che l’82% dei proprietari di smartphone utilizza il proprio dispositivo per cercare prodotti durante lo shopping.

Pazzo vero?

I vantaggi del marketing in entrata

Il vantaggio più importante del marketing inbound è che si allinea meglio con acquirenti reali e moderni, sia in termini di comportamento che di psicologia.

Oggi gli acquirenti vogliono sentirsi come se avessero il controllo delle proprie scelte e dei propri soldi

A loro piace la comodità e la velocità di trovare le risposte alle loro domande e ai punti dolenti online. Sono acquirenti a cui non piace essere il target di qualche “Forzata vendita” o “Hard Sell”.

Chi dovrebbe usare il marketing in entrata?

Sebbene vorremmo che la risposta a questa domanda fosse “chiunque”, ci sono semplicemente troppe variabili in gioco per dire che la tua azienda dovrebbe usare il marketing in entrata o un funnel digital marketing senza saperne di più.

Fortunatamente, quasi tutti dovrebbero essere in grado di pianificare ed eseguire una campagna di marketing in entrata di successo.

Pensate che il 90% di chi ha scelto l’Inbound, ha ottenuto il +77% di visite al sito web e +200% di contatti online!

Marketing in entrata vs. marketing in uscita

Anche se SEOComeFare è nato dalle nostre capacità e conoscenze di Esperti Consulenti SEO, ci siamo appassionati all’approccio inbound. Sappiamo anche, che è sempre una questione di miglior adattamento e mai una questione di quale sia la migliore strategia di marketing, quella che le batte tutte.

La differenza tra marketing inbound e outbound è come la differenza tra due diverse filosofie di vita.

La cosa buona dell’Inbound Marketing e dell’Outbound Marketing è che al contrario di due filosofie di vita, queste sono Strategie di Marketing che possiamo anche utilizzare insieme.

Quanto costa una campagna strategica di inbound marketing?

La prima risposta che mi viene in mente è:

Può costare tanto o poco, dipende da te.

Anche se c’è senza dubbio una correlazione tra budget più grandi e più piccoli, la relazione non è così proporzionale come potrebbe essere con l’outbound marketing.

Ci sono campagne inbound che con poca spesa hanno ottenuto un ottimo ROI

Se assumi un esperto per scrivere un articolo di 5.000 parole che diventa la risorsa principale sulla scelta di un appartamento o una villetta, quel contenuto potrebbe scalare le posizioni SERP dei motori di ricerca e arrivare in cima ai risultati di ricerca di Google per anni.

Con un ROI di ordini di grandezza maggiore della spesa iniziale.

Quali sono alcuni esempi di marketing inbound?

Il marketing in entrata è un termine generico, che comprende molte tattiche e strategie di implementazione.

Dopo tutto, c’è più di un modo per attirare un potenziale cliente sul tuo sito web.

Leggi l’articolo che mostra ESEMPI di strategie Inbound Marketing adatte a te.

Lascia un commento